L’Inail ha stanziato  45 milioni di euro in favore delle microimprese e piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli, per il sostegno al miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza. È il bando ISI agricoltura 2016, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 175/2016. Il contributo è in conto capitale nella misura che va dal 40% al 50% sull’importo delle spese ritenute ammissibili, quali il noleggio o l’acquisto di trattori agricoli o forestali o macchine agricole e forestali.

I finanziamenti sono a fondo perduto e vengono assegnati fino a esaurimento delle risorse finanziarie, secondo l’ordine cronologico di ricezione delle domande. Il contributo, pari al 40% dell’investimento (50% per gli imprenditori giovani agricoltori), per un massimo di euro 60.000,00 ed un minimo di euro 1.000,00, viene erogato a seguito del superamento della verifica tecnico-amministrativa e la conseguente realizzazione del progetto.

Cosa è il Bando ISI agricoltura 2016. Si tratta dell’avviso pubblico 2016 per il sostegno al miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza nelle microimprese e piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli, in attuazione dell'articolo 1, commi 862 e seguenti, della legge 28 dicembre 2015, n. 208. Isi‐agricoltura 2016, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 175 del 28 luglio 2016.

L’Inail finanzia gli investimenti per l'acquisto o il noleggio con patto di acquisto di trattori agricoli o forestali o di macchine agricoli e forestali, caratterizzati da soluzioni innovative per l'abbattimento delle emissioni inquinanti, la riduzione del rischio rumore e del rischio infortunistico (o di quello derivante dallo svolgimento di operazioni manuali), il miglioramento del rendimento e della sostenibilità globali delle aziende agricole, nel rispetto del regolamento (UE) n. 702/2014 della Commissione, del 25 giugno 2014, al quale possono accedere le microimprese e le piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli.

Destinatari. La legge n. 208/2015 individua quali soggetti beneficiari del fondo le microimprese e le piccole imprese, di cui all'Allegato I del Regolamento (UE) n. 702/2014, operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli, come definita dall'art. 2, punto (5) del medesimo Regolamento (UE).

Progetti ammessi a contributo. Sono ammissibili i progetti di acquisto o noleggio con patto di acquisto di trattori agricoli o forestali o di macchine agricoli e forestali.

Le imprese possono presentare una sola domanda in una sola Regione o Provincia autonoma e per un solo asse di finanziamento.

Risorse finanziarie destinate ai contributi. Lo stanziamento complessivo per l'anno 2016, pari a 45 milioni di euro, viene ripartito nei seguenti due assi di finanziamento differenziati in base ai destinatari

  • Asse 1: 5 milioni di Euro, riservati agli imprenditori giovani agricoltori, organizzati anche in forma societaria;
  • Asse 2: 40 milioni di Euro, riservati alla generalità delle imprese agricole.

Ammontare del contributo. Sull'importo delle spese ritenute ammissibili è concesso un contributo in conto capitale nella misura del

  • 50% per i soggetti beneficiari dell'Asse 1;
  • 40% per i soggetti beneficiari dell'Asse 2.

Il contributo è calcolato sulle spese sostenute al netto dell'I.V.A. In ogni caso, il contributo massimo erogabile è pari a € 60.000,00, il contributo minimo è pari a € 1.000,00.

Cumulo. Gli aiuti possono essere cumulati:

  • con altri aiuti di Stato riguardanti diversi costi ammissibili individuabili;
  • con gli stessi costi ammissibili, in tutto o in parte coincidenti, unicamente se tale cumulo non comporta il superamento dell’intensità di aiuto pari al:50% dell’importo di costi ammissibili, per i soggetti beneficiari dell’Asse 1;40% dell’importo di costi ammissibili, per i soggetti beneficiari dell’Asse 2.

Gli aiuti non sono cumulabili con aiuti de minimis relativamente agli stessi costi ammissibili, se tale cumulo porta a un’intensità di aiuto superiore alle percentuali predette.

Come fare domanda per Bando ISI agricoltura 2016.

Vediamo ora la modalità e tempistiche di presentazione della domanda per il Bando ISI agricoltura 2016. La domanda deve essere presentata in modalita' telematica, con successiva conferma tramite Posta Elettronica Certificata, come specificato negli Avvisi regionali/provinciali.

Cliccando sull'etichetta «Accedi ai servizi online» collocata in alto a destra nella home page del portale www.inail.it, le imprese avranno a disposizione una procedura informatica che consentirà loro, attraverso un percorso guidato, di inserire la domanda di contributo con le modalita' indicate negli Avvisi regionali/provinciali.

Vediamo le modalità di accesso alla procedura on line.

I)  inserimento online del progetto
Dal 10 novembre 2016 ed entro e non oltre le ore 18.00 del 20 gennaio 2017, nella sezione “accedi ai servizi online” del sito Inail, le imprese registrate avranno a disposizione un’applicazione informatica per la compilazione della domanda, che consentirà di

  • effettuare simulazioni relative al progetto da presentare;
  • verificare il raggiungimento della soglia di ammissibilità;
  • salvare la domanda inserita;
  • effettuare la registrazione della propria domanda attraverso l’apposita funzione presente in procedura tramite il tasto “INVIA”.

II) inserimento del codice identificativo. Dal 1° febbraio 2017 le imprese che avranno raggiunto o superato la soglia minima di ammissibilità prevista e salvato definitivamente la propria domanda, effettuandone la registrazione attraverso l’apposita funzione presente in procedura tramite il tasto “INVIA”, potranno accedere all’interno della procedura informatica ed effettuare il download del proprio codice identificativo che le identificherà in maniera univoca.

III) invio del codice identificativo (click-day). Le imprese potranno inviare attraverso lo sportello informatico la domanda di ammissione al contributo, utilizzando il codice identificativo attribuito alla propria domanda, ottenuto mediante la procedura di download. La data e gli orari di apertura e chiusura dello sportello informatico per l’invio delle domande saranno pubblicati sul sito Inail a partire dal 30 marzo 2017.