16:05

Disabili della legge 104: guida alle detrazioni Irpef del 19%

Il Fisco concede delle detrazioni Irpef del 19% ai disabili per le spese sanitarie e per la badante, l’acquisto dell’auto e di sussidi tecnici e informatici. Vediamo a che condizioni.

Disabili della legge 104: guida alle detrazioni Irpef del 19%.

Il Fisco è rivolge la sua particolare attenzione verso la categoria dei contribuenti affetti da disabilità, infatti prevede una serie di agevolazioni fiscali per disabili, i quali sono definiti dall’art. 3 della Legge 104 del 1992 persone che “presentano una minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che è causa di difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa e tale da determinare un processo di svantaggio sociale o di emarginazione”.  Le agevolazioni consistono in una serie di benefici fiscali concessi che riguardano la possibilità di usufruire di deduzioni fiscali, detrazioni fiscali ed esenzioni.

In particolare per i disabili sono oneri deducibili dal reddito le spese sanitarie, come le spese mediche generiche e di acquisto medicinali e le spese di assistenza specifica. Le esenzioni riguardano invece le agevolazioni per l’acquisto dell’auto ed in particolare l’esenzione dal pagamento del bollo auto e dell’imposta di trascrizione al PRA.

Le agevolazioni fiscali per disabili concesse attraverso delle detrazioni sull’imposta Irpef sono molteplici e riguardano:

  • Detrazioni del 19% per le spese sanitarie specialistiche, per acquisto di auto, sussidi tecnici e informatici, per le spese gli addetti all’assistenza personale e l’acquisto di cane guida per i non vedenti;
  • Detrazioni per figli a carico portatori di handicap, che sono aumentate di 200 euro;
  • Detrazioni del 36% per le spese per interventi di abbattimento di barriere architettoniche;

In questo approfondimento ci occupiamo delle detrazioni fiscali del 19% per disabili. Le detrazioni fiscali consistono in una diminuzione del’Irpef da pagare attraverso le spese, appunto, detraibili. Non si tratta di rimborsi fiscali che il Fisco concede, perché non danno la possibilità di avere un credito d’imposta, ma essendo detrazioni, si tratta della possibilità di ridurre l’Irpef da pagare fino ad azzerarla. Quindi si perde la quota di detrazioni eccedente. La detrazione spetta nella misura del 19 per cento della spesa sostenuta.

Detrazione Irpef del 19% per l’acquisto di auto e altri veicoli

Per i disabili, o per i familiari che hanno a carico il portatore di handicap, l’acquisto di automobili o altri  veicoli, e la riparazione, sono agevolati con la detrazione del 19% della spesa sostenuta. La detrazione compete ogni 4 anni ed in una misura massima di euro 18.075,99. Le riparazioni oggetto di agevolazione quelle straordinarie, non sono incluse invece le manutenzioni ordinarie.

Il Fisco prevede particolari condizioni nel caso di vendita dell’auto prima dei 4 anni dalla data dell’acquisto, mentre nel caso in cui il veicolo viene venduto prima dei 2 anni è dovuta al Fisco la restituzione delle agevolazioni. La modalità di fruizione della detrazione può essere in unica soluzione o in quattro rate annuali di pari importo. Vediamo l’approfondimento sulla detrazione Irpef 19% per acquisto dell’auto.

Spese sanitarie specialistiche

Alcune spese sanitarie sostenute dai disabili danno diritto al 19% di detrazione Irpef sull’ammontare della spesa sostenuta. Si tratta delle spese sanitarie specialistiche, vale a dire ad esempio le spese per analisi, per interventi chirurgici e prestazioni chirurgiche e specialistiche. Si tiene conto per queste spese di una franchigia di euro 129,11. Le spese mediche generiche e le spese per assistenza specifica (spese per le prestazioni rese da medico generico o l’acquisto di medicinali, assistenza infermieristica) rientrano, invece, tra gli oneri deducibili dal reddito. Vediamo nel dettaglio la detrazione per le spese sanitarie specialistiche.

Spese per addetti all’assistenza personale

Tra le detrazioni del 19% dell’Irpef riconosciute ai portatori di handicap ci sono anche le spese per addetti all’assistenza personale. Si tratta ad esempio delle spese per badanti. Questa agevolazione è estesa a tutte le persone non autosufficienti, ivi compreso ovviamente i disabili. La misura della detrazione del 19% è nel limite di spesa di euro 2.100 e spetta solo se il reddito del contribuente non superiore a euro 40.000. E la condizione è la non autosufficienza nel compimento di atti di vita quotidiana. Per approfondimenti vediamo la detrazione del 19% per addetti all’assistenza personale.

Acquisto cane guida

Per i disabili non vedenti è possibile usufruire della detrazione Irpef del 19% per l’acquisto dei cani guida. Si tratta di una detrazione che spetta una sola volta in un periodo di quattro anni, salvo i casi di perdita dell’animale. La detrazione spetta per un solo cane ed è calcolata su un importo massimo di euro 18.075,99. Va detto che questo limite è cumulativo con quello per l’acquisto di autoveicoli utilizzati per il trasporto del non vedente, pertanto sarà possibile ogni anno detrarre questo importo massimo per gli acquisti di auto e cane per i non vedenti. La detrazione anche in questo caso è fruibile dal non vedente o dal familiare di cui il non vedente risulta fiscalmente a carico.

Consulente del lavoro in Napoli. Esperto di diritto del lavoro e previdenza, di buste paga e vertenze di lavoro. Ama districarsi nell’area fiscale e occuparsi di lavoratori, imprese e contribuenti. Email: abarbato@fanpage.it.

commenta
STORIE INTERESSANTI
STORIE DEL GIORNO
FANPAGE D'AUTORE
ALTRE STORIE