10:07

Irpef 2012 calcolo: Scaglioni di reddito e aliquote, base imponibile, deduzioni, detrazioni, imposta netta

Nella dichiarazione fiscale 730 2012, così come nel modello Unico 2012, viene calcolata l’Irpef. Vediamo la determinazione dell’imposta in base al proprio reddito complessivo e come si riduce l’imposta sul reddito delle persone fisiche da pagare.

Irpef 2012 calcolo: Scaglioni di reddito e aliquote, base imponibile, deduzioni, detrazioni, imposta netta.

Ogni anno le persone fisiche sono obbligate a pagare la famosa imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef). Il pagamento avviene in acconto attraverso le buste paga o le quote mensili di pensione, a conguaglio effettuato dal datore di lavoro o ente pensionistico, e infine, eventualmente, a seguito della presentazione della dichiarazione dei redditi che nella maggior parte dei casi è  il modello 730 (o in alternativa il modello Unico). Approfondiamo il sistema di calcolo dell’Irpef 2012.

L’imposta Irpef da pagare è determinata in base al sistema di calcolo previsto dal TUIR, che tiene conto non solo dei redditi ma anche delle particolari condizioni familiari e di reddito della persona fisica contribuente.

La somma dei redditi oggetto della base imponibile (redditi fondiari, di capitale, di lavoro dipendente o assimilato, di lavoro autonomo, d’impresa e diversi) forma il reddito complessivo. A quest’ultimo vanno sottratti gli oneri deducibili  e la rendita per l’abitazione principale.

Il reddito ottenuto è il reddito imponibile, pertanto la base imponibile sulla quale calcolare l’imposta lorda Irpef. Quest’ultima viene calcolata moltiplicando il reddito imponibile per le varie aliquote Irpef in base agli scaglioni di reddito.

Infatti, fino a € 15.000,00 (primo scaglione di reddito) l’aliquota fiscale Irpef è del 23%, pertanto si pagherà quella percentuale sull’imponibile (es. se il vostro reddito imponibile è € 13.000, l’Irpef lorda è € 13.000 x 23% = € 2.990).

Da € 15.000,01 e fino ad € 28.000 (secondo scaglione di reddito), l’aliquota Irpef sale al 27% e pertanto, per le somme oltre € 15.000 verrà applicato il 27% (es. se il vostro reddito imponibile è € 24.000, l’Irpef lorda sarà € 5.880, cioè è la somma tra € 3.450, che è il 23% di € 15.000, ed € 2.430, che è il 27% di € 9.000 restante parte del reddito oltre € 15.000).

Da € 28.000,01 e fino a  € 55.000,00 (terzo scaglione di reddito) l’aliquota Irpef è del 38% e pertanto, per le somme oltre € 28.000 verrà applicato il 38%. (es. se il vostro reddito imponibile è € 40.000, l’Irpef lorda è € 11.520, cioè la somma tra € 6.960 e € 4.560. € 6.960 è la somma del 23% di 15.000, cioè € 3.450, e del 27% di € 13.000 che è  € 28.000-€ 15.000, cioè € 3.510. Mentre 4.560 è il 38% di € 12.000, che è € 40.000-€ 28.000. Per ogni scaglione di reddito si applica l’aliquota di riferimento)

Da € 55.000,01 e fino a € 75.000,00 (quarto scaglione di reddito), l’aliquota Irpef è del 41% e pertanto, per le somme oltre € 55.000 verrà applicato il 41%. (es. se il vostro reddito imponibile è € 60.000, l’Irpef lorda è € 19.270, che è determinata con le modalità descritte in precedenza cioè la somma tra il 23% di € 15.000, il 27% di € 28.000-€ 15000, il 38% di € 55.000-€ 28.000, il 41% di € 60.000- €55.000)

Oltre € 75.000 (quinto scaglione di reddito), l’aliquota Irpef è del 43%. (es. se il vostro reddito imponibile è € 100.000, l’Irpef lorda è € 36.170 che è determinata dalla somma tra il 23% di € 15.000, il 27% di € 28.000-€ 15000, il 38% di € 55.000-€ 28.000, il 41% di € 60.000- €55.000, il 43% di € 100.000-€ 75.000)

Una volta ottenuta l’imposta Irpef lorda, bisognerà determinare l’imposta netta Irpef effettivamente da pagare, che si ottiene sottraendo all’Irpef lorda le varie detrazioni fiscali previste dal TUIR. Il Fisco italiano prevede vari tipi di detrazioni legate al reddito, alle particolari condizioni familiari del contribuente. Poi vi sono delle detrazioni legale agli oneri e spese sostenuti nell’anno solare. Abbiamo le detrazioni per reddito di lavoro dipendente o per reddito da pensione, le detrazioni per i figli, coniugi e familiari a carico, le detrazioni del 19% per le spese sostenute (es. spese sanitarie, interessi per mutui ecc.), le detrazioni del 20% per spese di sostituzione frigoriferi, congelatori, acquisti di mobili, elettrodomestici, tv e computer, le detrazioni del 36% o 41% per interventi per il recupero del patrimonio edilizio (es. ristrutturazioni), le detrazioni del 55% per interventi di risparmio energetico (es. sostituzione infissi, sostituzione impianto di climatizzazione invernale, pannelli solari fotovoltaici).

Per determinare l’imposta Irpef da versare o il credito Irpef, dall’imposta netta vanno sottratti i crediti d’imposta (crediti d’imposta per canoni di locazione non percepiti, per imposte pagate all’estero, sisma in Abruzzo), le eccedenze di dichiarazioni fiscali precedenti, gli acconti versati e le ritenute alla fonte. Il risultato è l’imposta Irpef così determinato porta alla determinazione del saldo Irpef da versare o l’eventuale Irpef a credito da recuperare.

Consulente del lavoro in Napoli. Esperto di diritto del lavoro e previdenza, di buste paga e vertenze di lavoro. Ama districarsi nell’area fiscale e occuparsi di lavoratori, imprese e contribuenti. Email: abarbato@fanpage.it.

 

Approfondimenti: irpef, Modello 730

commenta
STORIE INTERESSANTI


STORIE DEL GIORNO
FANPAGE D'AUTORE
ALTRE STORIE