La data di pagamento della quattordicesima per i pensionati Inps, ex Inpdap ed Enpals è il 2 luglio 2018. La somma aggiuntiva va da 336 a 655 euro, calcoli e importi dipendono dagli di contributi versati da lavoratore dipendente o autonomo nonché dal reddito del pensionato nel 2018 e negli anni precedenti. Vediamo tra importi, calcoli, conguagli, requisiti reddituali e contributivi, a chi spetta e come funziona la quattordicesima pensionati Inps. Ed eventualmente come fare domanda in caso di mancato pagamento della quattordicesima.
Nel contratto di Governo c’è il taglio delle pensioni d’oro superiori a 5.000 euro netti al mese non giustificate dai contributi versati. Il Ministro del Lavoro Di Maio ha annunciato “l’abolizione delle pensioni d’oro con un tetto di 4.000 / 5.000 euro per tutti quelli che non hanno versato una quota di contributi che dia diritto a un importo così alto”. Dal sistema retributivo al contributivo, dalla pensione lorda a netta, ecco quali sono le pensioni d’oro e a chi toccherebbero i tagli.
Lavoro domenicale: dal Governo Monti ad oggi, cosa dice e come potrebbe cambiare la normativa
Fattura elettronica carburanti: cosa cambia dal 1 luglio 2018 (salvo proroga)
Pensioni più basse dal 2019: cosa cambierà con il taglio dell’1% del coefficiente
Quota 100 cosa è: nuovi requisiti per pensione anticipata rispetto alla Fornero
Stipendi in contanti, pagamento vietato dal 2018: tutto su normativa e sanzioni
Compilazione assistita 730 precompilato: ecco come funziona
Pagamento pensioni estero Inps tramite Citibank: normativa, paesi, adempimenti
Tutti i PIN per 730 precompilato e come ottenerli rapidamente
730 precompilato online: guida alle novità, scadenze, rimborsi e pagamenti
Lavoro straordinario e festivo nel contratto degli Studi professionali
Orario di lavoro e flessibilità nel CCNL studi professionali
Tutte le indennità di trasferta dei dipendenti studi professionali
Permessi ROL ex festività nel CCNL Studi professionali
Assenza da lavoro per neve: spettano permessi e retribuzione?
Bonus ristrutturazione alberghi e agriturismi 2017
Decreto correttivo Jobs Act: ecco tutte le novità e misure approvate
Trenitalia offre stage a Napoli a laureati in giurisprudenza, a 600 euro al mese
Trenitalia assume a Roma: le offerte di lavoro in scadenza il 4 settembre
Permessi per lutto familiare: cosa prevede la legge
Volontari protezione civile: durante i soccorsi spetta lo stipendio come lavoratori
Riscatto servizio militare di leva ai fini pensionistici e per buonuscita, TFS e TFR
La Regione Campania rifinanzia Garanzia over e Ricollocami: estesa platea dei beneficiari
Boeri riorganizza l’Inps e annuncia: “900 assunzioni di laureati”
Domanda per SIA (sostegno inclusione attiva): ecco il modulo da presentare al Comune
segui
Fanpage.it
su Facebook
 
Festività nazionali, infrasettimanali e soppresse in busta paga
Il lavoratore ha diritto ad assentarsi per dei giorni festivi retribuiti stabiliti dalla legge (25 aprile Festa della liberazione, 1 maggio Festa dei lavoratori, 2 giugno Festa della Repubblica, Capodanno, Epifania, Pasqua, Natale, Santo Stefano, ecc.). Vediamo quanto spetta in busta paga per le festività nazionali civili e religiose, infrasettimanali e soppresse, anche nel caso di lavoro festivo, durante le altre assenze da lavoro, ivi compreso per i lavoratori in cassa integrazione.