• Hai nuove notifiche!
Nella Legge di Bilancio 2021 è previsto un incentivo assunzione giovani under 36 negli anni 2021 e 2022. Si tratta dell’ampliamento dell’esonero contributivo strutturale previsto dalla Legge di Bilancio 2018 sulle assunzioni a tempo indeterminato dei giovani. Lo sconto sui contributi dovuti dal datore di lavoro all’Inps sale dal 50% al 100% per la durata di 36 mesi, elevata a 48 mesi al SUD. Ampliato il limite annuale da 3.000 a 6.000 euro. L’esonero spetta a condizione che il giovane sia al primo contratto a tempo indeterminato ed è sottoposto all’approvazione della Commissione Europea perché finanziato con i fondi europei Next Generation EU. Vediamo tutti gli aspetti.
Nel contratto Telecomunicazioni è previsto il pagamento della tredicesima entro la Vigilia di Natale. Spetta un rateo di tredicesima per ogni mese, o frazione superiore a 15 giorni, di rapporto di lavoro nell’anno solare di erogazione della tredicesima. Il calcolo della tredicesima va effettuato sul trattamento economico minimo (T.E.M.), ossia minimo stipendiale, contingenza, scatti di anzianità, E.D.R., ma anche su alcuni elementi del trattamento economico complessivo (T.E.C.) previsto dal CCNL Telecomunicazioni. In particolare, dopo il rinnovo del contratto, è incluso nella tredicesima il nuovo elemento Retributivo di Settore (E.R.S.) e da aprile 2021 è incluso l’elemento retributivo separato. Esclusi una tantum, elemento di garanzia retributiva e maggiorazioni per lavoro straordinario, notturno, festivo e supplementare. Vediamo tutte le informazioni.
Sospensione versamenti tributari: cosa è previsto nel Decreto Ristori bis
Credito d’imposta locazioni 60% per 3 mesi ai settori del D.P.C.M. 24 ottobre
Contributo a fondo perduto Decreto Ristori: elenco attività, ecco a chi spetta
Reddito di cittadinanza: tutti i requisiti (residenza, soggiorno, reddituali ISEE e patrimoniali)
Lavoro straordinario, notturno e festivo nel contratto Metalmeccanici artigiani
Tabelle retributive CCNL Studi professionali: stipendio anno per anno
Rientro dall’estero dei lavoratori: quarantena obbligatoria e diritto alla malattia
Proroga Naspi e Dis-coll di due mesi nel Decreto Agosto: a chi spetta
Preavviso dimissioni o licenziamento CCNL metalmeccanici artigiani
Pensione di luglio 2020: pagamento quattordicesima e 100 euro mensili
Quattordicesima ai pensionati nella pensione di luglio 2020
Assegni familiari durante la cassa integrazione per Coronavirus
Cassa integrazione: tredicesima e quattordicesima sono incluse
Spese notarili detraibili nel 730/2020 sull’acquisto prima casa nel 2019
Il TFR non va dichiarato nel 730 perché è a tassazione separata
Contributo a fondo perduto: istanza, istruzioni, software per domanda all’Agenzia Entrate
Pensione giugno 2020 in pagamento con trattenute fiscali
Tabelle ANF 2020-2021: i nuovi importi degli assegni per il nucleo familiare
Come leggere la Certificazione Unica 2020
730 precompilato scadenze 2020: tutte le nuove date dopo il Covid-19
Studi professionali: riapertura con nuovi obblighi anti Covid-19 degli uffici aperti al pubblico
Mancato rispetto norme anti Covid-19: chiusura attività e sanzione fino 3.000 euro
Perché la cassa integrazione non è l’80% dello stipendio in busta paga
Congedo parentale straordinario di 15 giorni per figli fino a 12 anni
segui
Fanpage.it
su Facebook
 
Credito imposta servizi digitali nella Legge di Bilancio 2021
Nella Legge di Bilancio 2021 è prevista la proroga per gli anni 2021 e 2022 del credito d'imposta servizi digitali. Il credito per i servizi digitali spetta alle imprese editrici di quotidiani e periodici per un importo pari al 30 per cento delle spese effettuate per l’acquisizione di servizi digitali ed information technology. Il credito può essere utilizzato solo in compensazione attraverso modello F24 utilizzando il codice tributo 6919. Vediamo cosa stabilisce la normativa in merito agli anni 2021 e 2022, ai beneficiari, alle modalità di accesso al credito e quali sono le spese ammesse.