contratto autoferrotranvieri parametri, livelli e mansioni

I parametri del contratto autoferrotranvieri sono l'espressione in termini numerici e di stipendio in busta paga mensile o parametro retributivo della classificazione del personale, dei livelli di inquadramento, le mansioni e la declaratoria prevista dal Ccnl autoferrotranvieri Mobilità TPL (Trasporto pubblico locale).

Come tutti i contratti collettivi, infatti, anche il contratto autoferrotranvieri – Mobilità TPL (Trasporto pubblico locale) ha una propria classificazione del personale contenente i livelli di inquadramento, ossia i parametri, le mansioni e la declaratoria.

Dal livello di inquadramento, ossia dal parametro retributivo, dipende ovviamente lo stipendio percepito in busta paga sulla base delle tabelle retributive del CCNL autoferrotranvieri Mobilità TPL, che rappresentano lo stipendio base degli autoferrotranvieri, al netto di eventuali indennità percepite.

Il lavoratore del settore autoferrotranvieri, che percepisce lo stipendio in base al proprio parametro secondo Ccnl, ha quindi bisogno di orientarsi tra i parametri degli autoferrotranvieri anche per verificare il corretto inquadramento contrattuale e le possibilità di svolgimento di mansioni superiori e diritto a percepire un parametro retributivo diverso nell’ambito della declaratoria e secondo le tabelle retributive dello stipendio autoferrotranvieri.

Alcuni lavoratori hanno diritto ad ottenere un parametro retributivo con stipendio più alto nell’ambito del settore autoferrotranvieri dopo alcuni anni di servizio, si tratta del passaggio di parametro e livello degli autoferrotranvieri dopo alcuni anni di servizio e lo prevede il contratto collettivo ad esempio per le mansioni di Operatore di esercizio, Capo treno e Macchinista e altri lavoratori.

La declaratoria nel contratto autoferrotranvieri descrive la mansione in base al livello, che è appunto il sistema dei parametri degli autoferrotranvieri.

Il Ccnl autoferrotranvieri del 2000, nel disciplinare la classificazione del personale autoferrotranvieri in base ai parametri, divise il settore degli autoferrotranvieri in quattro aree:

  • “Area professionale 1°: mansioni gestionali e professionali”,
  • “Area professionale 2°: mansioni di coordinamento e specialistiche”,
  • “Area professionale 3°: mansioni operative”
  • “Area professionale 4°: mansioni generiche”.

Le stesse aree furono divise in quattro aree operative: “area esercizio”, “area amministrazione e servizi”, “area manutenzione, impianti ed officine” e “area servizi ausiliari per la mobilità”.

Ognuna di queste aree raggruppa parametri, mansioni, livelli e declaratorie. Pertanto lo stesso parametro retributivo può spettare a lavoratori di aree diverse. 

L’area esercizio a sua volta si articola in sezioni specifiche: esercizio automobilistico, filoviario e tranviario; esercizio ferroviario e metropolitano; esercizio navigazione lacuale; esercizio navigazione lagunare; esercizio funivie portuali; esercizio funicolari terrestri ed aeree.

Il contratto collettivo degli autoferrotranvieri ha individuato i profili professionali di esempio, che però “non costituiscono un'elencazione esaustiva di tutte le attività esplicabili da parte dei dipendenti, bensì individuano quelle più significative”.

Ma l’elencazione prevista dal contratto collettivo consente al lavoratore sicuramente di individuare il parametro retributivo, la descrizione della declaratoria, il livello, la mansione ed i propri diritti.

Area Professionale 1°: mansioni gestionali e professionali

Appartengono all’area professionale 1° con "mansioni gestionali e professionali", secondo la declaratoria del CCNL autoferrotranvieri Mobilità TPL, i seguenti lavoratori:

“Lavoratori che svolgono con carattere di continuità e con un elevato grado di competenza tecnica e/o gestionale-organizzativa, funzioni di rilevante importanza e responsabilità al fine del raggiungimento degli obiettivi aziendali”. Ne fan parte i parametri 250 e 230.

Parametro 250 – Responsabile unità amministrativa/tecnica complessa 

Secondo la declaratoria del CCNL autoferrotranvieri TPL si tratta di "Lavoratori che sono posti a capo di unità organizzative caratterizzate da notevole complessità gestionale e/o tecnica e che operano, con ampi margini di discrezionalità ed autonomia, sulla base delle direttive della direzione di settore, fornendo un apporto significativo al raggiungimento degli obiettivi aziendali".

Il lavoratore con parametro 250 percepisce uno stipendio lordo mensile di 2.283,41 euro al netto degli scatti di anzianità, secondo le tabelle retributive CCNL autoferrotranvieri.

Il parametro 250 è il livello stipendiale più alto, essendo posti a capo di unità organizzative complesse.

Per conoscere tutti i diritti del lavoratore del settore autoferrotranvieri con parametro retributivo e stipendiale 250, in materia di mansioni, stipendio lordo e netto, scatti di anzianità, indennità, ferie e altro, ecco l’approfondimento sul parametro 250 autoferrotranvieri: mansioni, stipendio e diritti.

Parametro 230 – Professional

Secondo la declaratoria si tratta la mansione di Professional parametro 230 riguarda i "Lavoratori che, con un'elevata competenza professionale, operano con ampi margini di autonomia per la soluzione di problemi di notevole complessità".

Parametro 230 – Capo unità organizzativa amm./tecnica

Secondo la declaratoria la mansione di Capo unità organizzativa amministrativa/tecnica con parametro retributivo 230 riguarda i "Lavoratori che gestiscono, con margini di discrezionalità ed autonomia, strutture organizzative e relative risorse, pianificando attività ed interventi, controllando l'andamento degli stessi e dei relativi risultati con notevoli competenze in merito alla soluzione di problemi connessi alla gestione delle risorse umane, tecniche e/o finanziarie a loro affidate".

Le mansioni retribuite con il parametro 230 sono due mansioni dell’area professionale 1, quindi sempre nell’ambito delle mansioni gestionali e professionali, ma con un livello stipendiale più basso rispetto al parametro 250, per la presenza di margini di discrezionalità ed autonomia, elevata professionalità e competenza professionale, ma non un ruolo di responsabilità a capo di una struttura complessa.

Lo stipendio del parametro 230 è di 2.125,87 euro, secondo le tabelle retributive CCNL autoferrotranvieri.

Per approfondimenti sulla declaratoria delle mansioni, calcolo stipendio netto e diritti dei lavoratori, ecco l’approfondimento sul parametro 230: mansioni e stipendio.

Area professionale 2ª – Mansioni di coordinamento e specialistiche

Un consistente numero di livelli, parametri retributivi, declaratoria e mansioni rientrano nell’Area professionale 2° del contratto autoferrotranvieri, che raccoglie tutte le Mansioni di coordinamento e specialistiche”, la cui declaratoria generale per tutti i livelli, parametri e declaratorie dell'Area professionale 2°, quindi la descrizione delle mansioni è la seguente:

“Lavoratori che svolgono attività richiedenti competenze tecnico/specialistiche e/o gestionali finalizzate alla realizzazione di processi produttivi. Tali attività possono essere svolte sia attraverso il coordinamento di specifiche unità organizzative sia attraverso l'applicazione di competenze tecnico/specialistiche che richiedono un adeguato livello di professionalità”.

Il lavoratore potrà apprezzare leggendo le declaratorie dell’aree professionali le differenze rispetto all’”Area professionale 1° – Mansioni gestionali”, l’”Area professionale 3° – mansioni operative” e l’”Area professionale 4: mansioni generiche”.

L’Area professionale 2° – Mansioni generiche raggruppa le mansioni, i livelli e i parametri retributivi delle seguenti aree:

  • Area operativa Esercizio: Sezione Automobilistico, filoviario e tranviario;
  • Area operativa Esercizio: Sezione ferroviario e metropolitano  – Personale viaggiante (trazione e scorta);
  • Area operativa Esercizio: Sezione ferroviario e metropolitano  – Personale di stazione;
  • Area operativa: amministrazione servizi;
  • Area operativa: Manutenzione, Impianti ed officine;
  • Area operativa: servizi ausiliari per la mobilità.

Area operativa Esercizio: Sezione Automobilistico, filoviario e tranviario

Nell’ambito dell’Area professionale 2ª e nella specifica “area operativa Esercizio: Sezione Automobilistico, filoviario e tranviario” vi sono i seguenti profili e parametri:

Parametro 210 – Coordinatore di esercizio

"Lavoratori che, in possesso di adeguate competenze tecniche e gestionali, svolgono, con margini di discrezionalità e di iniziativa, attività di coordinamento degli operatori e degli addetti anche mediante l'eventuale responsabilità di unità operative nei settori del movimento e traffico automobilistico e/o filotranviario".

Parametro 193 – Addetto all'esercizio 

"Lavoratori che, in possesso di adeguata competenza comunque acquisita nei settori del movimento automobilistico e/o in quello filotranviario, svolgono attività di coordinamento degli operatori, di controllo sulla regolarità dell'esercizio, sul personale viaggiante, e, all'occorrenza, sull'utenza e, ove richiesto, anche compiti di polizia amministrativa, quali quelli ex art. 17, commi 132 e 133 e successive modifiche della legge 127/97 e di supporto alla clientela".

Area operativa Esercizio: Sezione ferroviario e metropolitano  – Personale viaggiante (trazione e scorta)

Nell’ambito dell’Area professionale 2ª e nella specifica “Area operativa Esercizio: Sezione ferroviario e metropolitano” vi è la specifica area del "Personale viaggiante (trazione e scorta)". In questa area vi sono i seguenti profili e parametri:

Parametro 210 – Coordinatore

Lavoratori che, in possesso delle abilitazioni richieste e di adeguate competenze tecniche e gestionali, organizzano e coordinano, con margini di discrezionalità ed iniziativa, anche in unità operative che richiedono un elevato impegno organizzativo, gli addetti ai settori del personale viaggiante (trazione e scorta), esercitando, altresì, la responsabilità sulle relative strutture operative/organizzative, anche in relazione alla disponibilità del materiale rotabile secondo le prassi in atto.

Parametro 193 – Assistente coordinatore

Lavoratori che, in possesso delle abilitazioni richieste e di adeguata competenza gestionale, svolgono attività di supporto nel coordinamento e nel controllo del personale viaggiante, assicurando altresì la regolare operatività dei turni di servizio e della disponibilità del materiale rotabile nonché le attività connesse alla regolarità del servizio programmato.

Area operativa Esercizio: Sezione ferroviario e metropolitano  – Personale di stazione

Nell’ambito dell’Area professionale 2ª e nella specifica “Area operativa Esercizio: Sezione ferroviario e metropolitano” vi è la specifica area del "Personale di stazione". In questa area vi sono i seguenti profili e parametri:

Parametro 210 – Coordinatore ferroviario (posizione 2°)

I lavoratori inquadrati con il parametro retributivo 210 e la mansione di Collaboratore ferroviario – posizione 2° svolgono la seguente mansione, secondo la declaratoria del CCNL:

"Lavoratori che svolgono le mansioni previste per il Coordinatore ferroviario in unità operative caratterizzate da rilevanti contenuti tecnologici e consistenti volumi di traffico e di movimento, che richiedono un elevato impegno organizzativo".

Parametro 202 – Coordinatore ferroviario (posizione 1°)

I lavoratori inquadrati con il parametro retributivo 202 e la mansione di Collaboratore ferroviario – posizione 1° svolgono la seguente mansione, secondo la declaratoria del CCNL:

"Lavoratori che, in possesso delle abilitazioni richieste per il movimento e la gestione, sovrintendono, con margini di discrezionalità ed iniziativa, al coordinamento ed al controllo di impianti ferroviari complessi e svolgono compiti che richiedono notevoli competenze nei settori della circolazione ferroviaria e delle attività operative e gestionali, garantendo, altresì, le mansioni della dirigenza di movimento".

Paremetro 193 – Capo stazione

I lavoratori inquadrati con il parametro retributivo 193 e la mansione di Capo Stazione svolgono la seguente mansione, secondo la declaratoria del CCNL:

"Lavoratori che, in possesso delle abilitazioni richieste per la dirigenza di movimento (compreso Dirigenza Unica e/o Dirigenza Centrale Operativa e/o Dirigenza Centrale del Traffico) e per la gestione, oltre a svolgere le mansioni dell'Operatore di movimento e gestione, dirigono la circolazione dei treni in linea. Sovrintendono ad una stazione di consistente traffico ed operano anche ad un centro di controllo centralizzato del traffico".

Area operativa: amministrazione e servizi

Nell’ambito dell’Area professionale 2ª e nella specifica “Area operativa: amministrazione e servizi" vi sono i seguenti profili e parametri:

Parametro 205 – Coordinatore di ufficio

I lavoratori inquadrati con il parametro retributivo 205 e la mansione di Coordinatore di ufficio svolgono la seguente mansione, secondo la declaratoria del CCNL:

"Lavoratori che, in possesso di adeguate competente gestionali, coordinano con margini di discrezionalità ed iniziativa unità operative funzionali di tipo tecnico/amministrativo con relativa responsabilità sui risultati".

Parametro 193 – Specialista tecnico/amministrativo

I lavoratori inquadrati con il parametro retributivo 193 e la mansione di Specialista tecnico/amministrativo svolgono la seguente mansione, secondo la declaratoria del CCNL:

"Lavoratori che, in possesso di adeguate competenze tecniche e/o amministrative svolgono, con autonomia operativa e in via continuativa, compiti di notevole contenuto professionale nell'ambito di direttive di massima".

Area operativa: Manutenzione, Impianti ed officine

Nell’ambito dell’Area professionale 2ª e nella specifica “Area operativa: Manutenzione, Impianti ed officine" vi sono i seguenti profili e parametri:

Parametro 205 – Capo Unità Tecnica

I lavoratori inquadrati con il parametro retributivo 205 e la mansione di Capo Unità Tecnica svolgono la seguente mansione, secondo la declaratoria del CCNL:

"Lavoratori che, in possesso di adeguate competenze tecniche e gestionali, con margini di discrezionalità e di iniziativa e con relativa responsabilità sui risultati, gestiscono unità operative di tipo tecnico, fornendo anche un contributo operativo diretto".

Parametro 188 – Capo Operatori

I lavoratori inquadrati con il parametro retributivo 188 autoferrotranvieri e la mansione di Capo Operatori svolgono la seguente mansione, secondo la declaratoria del CCNL:

"Lavoratori che, in possesso di adeguate conoscenze e capacità professionali, svolgono attività di significativo contenuto tecnico-operativo nonché funzioni di coordinamento di un gruppo organizzato di operai partecipando, altresì, alle attività lavorative dello stesso".

Area operativa: servizi ausiliari per la mobilità

Nell’ambito dell’Area professionale 2ª e nella specifica “Area operativa: servizi ausiliari per la mobilità" vi sono i seguenti profili e parametri:

Parametro 178 – Coordinatore della mobilità

I lavoratori inquadrati con il parametro retributivo 178  autoferrotranvieri e la mansione di Coordinatore della mobilità svolgono la seguente mansione, secondo la declaratoria del CCNL:

"Lavoratori che, in possesso di competenze tecnico-gestionali tali da assicurare un'autonomia operativa nell'ambito degli indirizzi stabiliti, coordinano e/o controllano l'attività di altri lavoratori, nonché collaborano nella verifica dei prodotti e dei servizi resi da terzi".

Parametro 170 – Addetto alla mobilità

I lavoratori inquadrati con il parametro retributivo 170  autoferrotranvieri e la mansione di Addetto alla mobilità svolgono la seguente mansione, secondo la declaratoria del CCNL:

"Lavoratori che, in possesso di competenze ed esperienze specialistiche consolidate, in autonomia e in via continuativa, svolgono compiti di particolare contenuto tecnico-professionale fornendo assistenza e consulenza per la soluzione dei problemi".

Area professionale 3ª – Mansioni operative

Oltre all'Area professionale 1° riguardante le "mansioni gestionali" e l'Area professionale 2° che riguarda le "mansioni di coordinamento e specialistiche" vi è un'ampia Area professionale 3° che raggruppa le "Mansioni operative".

La declaratoria generale per tutti i livelli, parametri e declaratorie dell'Area professionale 2°, quindi la descrizione delle mansioni di tutta l'Area professionale 3° – Mansioni operative è la seguente:

"Lavoratori che, in possesso delle relative abilitazioni ove richieste, svolgono funzioni richiedenti adeguate conoscenze tecniche o teorico-pratiche, anche coordinando e controllando l'attività di altri lavoratori. Operano, sulla base di procedure e direttive di massima, con un'autonomia operativa circoscritta nelle attività specifiche dell'area operativa di appartenenza".

L’Area professionale  3° – Mansioni operative raggruppa le mansioni, i livelli e i parametri retributivi delle seguenti aree:

  • Area operativa Esercizio: Sezione Automobilistico, filoviario e tranviario;
  • Area operativa Esercizio: Sezione ferroviario e metropolitano  – Personale viaggiante (trazione e scorta);
  • Area operativa Esercizio: Sezione ferroviario e metropolitano  – Personale di stazione;
  • Area operativa: amministrazione servizi;
  • Area operativa: Manutenzione, Impianti ed officine;
  • Area operativa: servizi ausiliari per la mobilità.

Area operativa esercizio: sezione automobilistico, filoviario e tranviario

Come nell'Area professionale 2°, anche nell'ambito dell’Area professionale 3ª e nella specifica “Area operativa: sezione automobilistico, filoviario e tranviario" vi sono i seguenti profili e parametri:

Operatore di esercizio (parametro 140 -158 – 175 – 183)

L'Operatore di esercizio, secondo il sistema del passaggio di livello e parametro del contratto autoferrotranvieri ha un parametro retributivo di ingresso 140, poi dopo 8 anni di guida effettiva passa al parametro retributivo 158, poi dopo 16 anni di guida effettiva al parametro retributivo 175 e dopo 21 anni di guida effettiva al parametro retributivo 183.

I lavoratori inquadrati con il parametro retributivo 140  158 – 175 – 183 autoferrotranvieri e la mansione di Operatore di esercizio svolgono la seguente mansione, secondo la declaratoria del CCNL:

"Lavoratori che, in possesso delle abilitazioni richieste, svolgono mansioni di guida di mezzi aziendali per il trasporto di persone nonché le attività già previste da accordi, disposizioni e consuetudini in atto. Svolgono, all'occorrenza, le attività di vendita e verifica dei titoli di viaggio, di informazione alla clientela e di versamento incassi ed effettuano altresì, in alternativa alle prevalenti mansioni di guida, le attività di riscossione incassi, di capolinea e di polizia amministrativa. Le modalità di svolgimento di queste ultime attività sono concordate a livello aziendale".

Parametro 129 – Collaboratore di esercizio

I lavoratori inquadrati con il parametro retributivo 129 autoferrotranvieri e la mansione di Collaboratore di esercizio svolgono la seguente mansione, secondo la declaratoria del CCNL:

"Lavoratori, che in possesso delle relative abilitazioni, svolgono mansioni di guida di mezzi per il trasporto di persone per i quali è richiesta la patente B ovvero patente di grado superiore senza certificato di abilitazione professionale. Svolgono, ove richiesto, attività accessorie e complementari quali manovra e movimentazione di mezzi a vuoto, soccorso in linea, rimozione di auto private nonché quelle di vendita e verifica dei titoli di viaggio, di informazione e supporto alla clientela e versamento incassi".

Area operativa Esercizio: Sezione ferroviario e metropolitano  – Personale viaggiante (trazione e scorta)

Nell’ambito dell’Area professionale 3ª e nella specifica “Area operativa Esercizio: Sezione ferroviario e metropolitano” vi è la specifica area del "Personale viaggiante (trazione e scorta)". In questa area vi sono i seguenti profili e parametri:

Parametro 190 – Tecnico di bordo

I lavoratori inquadrati con il parametro retributivo 190 autoferrotranvieri e la mansione di Tecnico di bordo svolgono la seguente mansione, secondo la declaratoria del CCNL:

"Lavoratori che, avendo maturato almeno 13 anni di condotta effettiva in ferrovia ed acquisite le previste abilitazioni, svolgono mansioni di macchinista e di capo treno per specifiche esigenze di servizio aziendali connesse all'effettuazione di percorrenze significative su rete ferroviaria diversa da quella aziendale".

Macchinista (parametro 153 – 165 – 183 – 190)

Il lavoratore con mansione di Macchinista, secondo il sistema del passaggio di livello e parametro del contratto autoferrotranvieri ha un parametro retributivo di ingresso 153, poi dopo 8 anni di condotta effettiva passa al parametro retributivo 165, poi dopo 16 anni di condotta effettiva al parametro retributivo 183 e dopo 21 anni di condotta effettiva al parametro retributivo 190.

I lavoratori inquadrati con il parametro retributivo 153 – 165 – 183 – 190 autoferrotranvieri e la mansione di Macchinista svolgono la seguente mansione, secondo la declaratoria del CCNL:

"Lavoratori che, in possesso delle previste abilitazioni, sono addetti alla conduzione di tutti i mezzi di trazione ferroviaria utilizzati dall'azienda, svolgendo altresì operazioni accessorie secondo prescrizioni regolamentari e/o prassi aziendali".

Capo treno (parametro 140 -158 -165)

Il lavoratore con mansione di Capo treno, secondo il sistema del passaggio di livello e parametro del contratto autoferrotranvieri ha un parametro retributivo di ingresso 140, poi dopo 8 anni di svolgimento delle mansioni di Capo treno passa al parametro retributivo 158, poi dopo 16 anni di di svolgimento delle mansioni di Capo treno passa al parametro retributivo 165.

I lavoratori inquadrati con il parametro retributivo 140 – 158 – 165 autoferrotranvieri e la mansione di Capo treno svolgono la seguente mansione, secondo la declaratoria del CCNL:

"Lavoratori che, in possesso delle prescritte abilitazioni, oltre ad avere la responsabilità del convoglio, svolgono mansioni di verifica, emissioni di titoli di viaggio in vettura, informazioni alla clientela ed attività connesse al movimento applicando norme, regolamenti e procedure prestabilite".

Area operativa Esercizio: Sezione ferroviario e metropolitano  – Personale di stazione

Nell’ambito dell’Area professionale 3ª e nella specifica “Area operativa Esercizio: Sezione ferroviario e metropolitano” vi è la specifica area del "Personale di stazione". In questa area vi sono i seguenti profili e parametri:

Parametro 158 – Operatore di movimento e gestione

I lavoratori inquadrati con il parametro retributivo 158 autoferrotranvieri e la mansione di Operatore di movimento e gestione svolgono la seguente mansione, secondo la declaratoria del CCNL:

"Lavoratori che, in possesso delle prescritte abilitazioni, gestiscono le attività di movimento e gestione in una stazione di non elevato traffico, ovvero coadiuvano il capo stazione in stazioni di consistente traffico".

Parametro 158 – Operatore di gestione

I lavoratori inquadrati con il parametro retributivo 158 autoferrotranvieri e la mansione di Operatore di gestione svolgono la seguente mansione, secondo la declaratoria del CCNL:

"Lavoratori che, in possesso delle prescritte abilitazioni, controllano e coordinano le attività gestionali di stazioni di consistente traffico e di rilevante domanda di servizi informativi e di vendita alla clientela, partecipando alle relative attività".

Operatore di stazione (parametro 139 – 143)

Il lavoratore con mansione di Operatore di stazione, secondo il sistema del passaggio di livello e parametro del contratto autoferrotranvieri ha un parametro retributivo di ingresso 139, poi dopo 6 anni di svolgimento delle mansioni proprie della figura passa al parametro retributivo 143.

I lavoratori inquadrati con il parametro retributivo 139 – 143 autoferrotranvieri e la mansione di Operatore di stazione svolgono la seguente mansione, secondo la declaratoria del CCNL:

"Lavoratori che, in possesso delle prescritte abilitazioni, svolgono attività amministrative connesse al servizio viaggiatori e merci nonché attività di movimento limitate alla manovra degli impianti di sicurezza e di segnalamento. Assicurano, altresì, il presenziamento connesso ad attività complementari all'esercizio ed il controllo sull'utenza".

Parametro 135 – Capo squadra operatori di manovra

I lavoratori inquadrati con il parametro retributivo 135 autoferrotranvieri e la mansione di Capo squadra operatori di manovra svolgono la seguente mansione, secondo la declaratoria del CCNL:

"Lavoratori che, oltre a svolgere tutte le mansioni dell'operatore di manovra, hanno compiti di coordinamento di altri lavoratori".

Parametro 135 – Operatore di scambi cabina

I lavoratori inquadrati con il parametro retributivo 135 autoferrotranvieri e la mansione di Operatore di scambi cabina svolgono la seguente mansione, secondo la declaratoria del CCNL:

"Lavoratori che, in possesso delle necessarie abilitazioni, eseguono anche a distanza la manovra degli scambi e dei segnali. Eseguono, altresì, la manovra di composizione dei convogli ferroviari e lo spostamento dei mezzi di trazione e dei veicoli".

Parametro 123 – Operatore di manovra

I lavoratori inquadrati con il parametro retributivo 123 autoferrotranvieri e la mansione di Operatore di manovra svolgono la seguente mansione, secondo la declaratoria del CCNL:

"Lavoratori che, in possesso delle necessarie abilitazioni, eseguono la manovra di scambi e quella di composizione dei convogli ferroviari e lo spostamento dei mezzi di trazione e dei veicoli. Svolgono, altresì, le attività di operatore generico purché non prevalenti".

Area operativa: amministrazione e servizi

Nell’ambito dell’Area professionale 3ª e nella specifica “Area operativa: amministrazione e servizi" vi sono i seguenti profili e parametri:

Profili e parametri

Parametro 175 – Collaboratore di ufficio

I lavoratori inquadrati con il parametro retributivo 175 autoferrotranvieri e la mansione di Collaboratore di ufficio svolgono la seguente mansione, secondo la declaratoria del CCNL:

"Lavoratori che in possesso di adeguata capacità professionale, svolgono compiti tecnico-amministrativi di contenuto significativo".

Operatore qualificato di ufficio (parametro 140 – 155)

Il lavoratore con mansione di Operatore qualificato di ufficio, secondo il sistema del passaggio di livello e parametro del contratto autoferrotranvieri ha un parametro retributivo di ingresso 140, poi dopo 6 anni di svolgimento delle mansioni proprie della figura passa al parametro retributivo 155.

I lavoratori inquadrati con il parametro retributivo 140 – 155 autoferrotranvieri e la mansione di Operatore qualificato di ufficio svolgono la seguente mansione, secondo la declaratoria del CCNL:

"Lavoratori che svolgono funzioni di concetto, anche complesse, nel campo tecnico/amministrativo sulla base di direttive ricevute".

Parametro 130 – Operatore di ufficio

I lavoratori inquadrati con il parametro retributivo 130 autoferrotranvieri e la mansione di Operatore di ufficio svolgono la seguente mansione, secondo la declaratoria del CCNL:

"Lavoratori che espletano compiti di natura tecnica e/o amministrativa richiedenti la conoscenza di procedure operative definite e l'applicazione di conoscenze acquisite, nonché, all'occorrenza, compiti di supporto all'attività degli uffici".

Area operativa: Manutenzione, Impianti ed officine

Nell’ambito dell’Area professionale 3ª e nella specifica “Area operativa: Manutenzione, Impianti ed officine" vi sono i seguenti profili e parametri:

Parametro 180 – Operatore certificatore

I lavoratori inquadrati con il parametro retributivo 180 autoferrotranvieri e la mansione di Operatore certificatore svolgono la seguente mansione, secondo la declaratoria del CCNL:

"Lavoratori che, in possesso di adeguati titoli e competenze professionali, certificano, attestano e/o collaudano, pure con compiti di diagnostica ed anche ai fini della qualità, l'esecuzione di processi manutentivi e/o installativi, complessi e di particolare rilevanza, eseguiti sia all'interno dell'azienda sia nell'ambito di commesse affidate all'esterno".

Parametro 170 – Operatore tecnico

I lavoratori inquadrati con il parametro retributivo 170 autoferrotranvieri e la mansione di Operatore tecnico svolgono la seguente mansione, secondo la declaratoria del CCNL:

"Lavoratori che, in possesso di adeguata esperienza professionale, operano, con margini di autonomia, in attività tecniche e/o tecnico/manuali che richiedono particolare perizia e responsabilità, anche intervenendo con autonomia operativa in linea. Controllano e coordinano ove previsto dalla funzione attribuita dall'azienda l'attività di lavoratori di livello inferiore, partecipando all'attività lavorativa della squadra, e sovrintendono altresì alla sede ed all'armamento di linee ad impianto fisso".

Operatore qualificato (parametro 140 – 160)

Il lavoratore con mansione di Operatore qualificato, secondo il sistema del passaggio di livello e parametro del contratto autoferrotranvieri ha un parametro retributivo di ingresso 140, poi dopo 6 anni di svolgimento delle mansioni proprie della figura passa al parametro retributivo 160.

I lavoratori inquadrati con il parametro retributivo 140 – 160 autoferrotranvieri e la mansione di Operatore qualificato di ufficio svolgono la seguente mansione, secondo la declaratoria del CCNL:

"Lavoratori che, in possesso di conoscenza acquisita di procedure operative e sulla base di direttive ricevute, operano singolarmente od in squadra in attività di manutenzione e riparazione su mezzi, impianti e strutture, in sede e/o in linea, con compiti specifici o plurifunzionali".

Parametro 130 – Operatore di manutenzione

I lavoratori inquadrati con il parametro retributivo 130 autoferrotranvieri e la mansione di Operatore di manutenzione svolgono la seguente mansione, secondo la declaratoria del CCNL:

"Lavoratori che vengono impiegati, sulla base di direttive ricevute, in attività non complesse di riparazione e di manutenzione sui mezzi, sugli impianti e sulle strutture nonché sulla sede e sull'armamento, svolgendo altresì le mansioni in uso".

Area operativa: servizi ausiliari per la mobilità

Nell’ambito dell’Area professionale 3ª e nella specifica “Area operativa: servizi ausiliari per la mobilità" vi sono i seguenti profili e parametri:

Parametro 154 – Assistente alla clientela

I lavoratori inquadrati con il parametro retributivo 154 autoferrotranvieri e la mansione di Assistente alla clientela svolgono la seguente mansione, secondo la declaratoria del CCNL:

"Lavoratori che in possesso di adeguata preparazione e conoscenza di almeno una lingua straniera, oltre a svolgere compiti di coordinamento di figure professionali inferiori, effettuano, sia a terra che a bordo dei mezzi, attività di assistenza alla clientela, fornendo informazioni sui servizi offerti dall'azienda ed in particolare sulla rete, sulle tariffe e sulle eventuali interconnessioni. Procedono anche alla vendita e/o al controllo dei titoli di viaggio e di sosta".

Parametro 151 – Operatore qualificato della mobilità

I lavoratori inquadrati con il parametro retributivo 151 autoferrotranvieri e la mansione di Operatore qualificato della mobilità svolgono la seguente mansione, secondo la declaratoria del CCNL:

"Lavoratori che, in possesso di conoscenze tecniche e/o gestionali, tali da assicurare un'autonomia operativa nell'ambito delle direttive ricevute, svolgono compiti anche ispettivi. Svolgono, inoltre, le seguenti attività che, in relazione all'organizzazione dell'impresa, potranno essere anche accessorie a quelle considerate principali a livello di singola impresa e fra loro complementari:

  • attività di cui ai commi 132 e 133 dell'art. 17 della legge n. 127/97;
  • competenza a disporre la rimozione forzata dei veicoli (lettere b), c) e d) – comma 2 dell'art. 158 – del D.Lgs. n. 285/92) nonché all'effettuazione di tutte le attività connesse;
  • verifica dei titoli di viaggio;
  • vendita dei titoli di sosta, di trasporto ed integrati;
  • informazioni al pubblico;
  • funzioni di concetto svolte con margini di autonomia, richiedenti la conoscenza di specifiche procedure amministrative e/o tecniche anche complesse;
  • altre attività di contenuto equivalente a quelle di cui sopra anche se non espressamente indicate.

Parametro 138 – Operatore della mobilità

I lavoratori inquadrati con il parametro retributivo 138 autoferrotranvieri e la mansione di Operatore qualificato della mobilità svolgono la seguente mansione, secondo la declaratoria del CCNL:

"Lavoratori che, in possesso di conoscenze tecniche e/o professionali tali da assicurare un'autonomia operativa nell'ambito delle direttive ricevute, svolgono compiti di contenuto tecnico-professionale di limitata complessità ovvero richiedenti la conoscenza di procedure amministrative e/o tecniche, quali, a titolo esemplificativo:

  • attività di cui al comma 132 dell'art. 17 della legge n. 127/97;
  • vendita di titoli di sosta, di trasporto ed integrati;
  • informazioni al pubblico;
  • attività che, su direttiva di massima, richiedono la conoscenza di procedure tecnico- amministrative di limitata complessità;
  • manutenzione dei parcometri per interventi non di semplice routine e delle apparecchiature di parcheggio in strutture complesse ad elevata automazione;
  • altre attività di contenuto equivalente a quelle di cui sopra anche se non espressamente indicate".

Area professionale 4ª – Mansioni generiche

L'Area professionale 4° contenente le "Mansioni generiche" raggruppa tutti i lavoratori con parametro retributivo da 100 a 121, che appunto si occupano di mansioni generiche.

La declaratoria generale per tutti i livelli, parametri e declaratorie dell'Area professionale 4°, quindi la descrizione delle mansioni è la seguente:

"Mansioni generiche – Lavoratori che eseguono attività di limitata complessità, in esecuzione di metodi operativi definiti, che presuppongono generiche competenze professionali acquisibili mediante addestramento e/o pratica, comprese attività di semplice coordinamento di personale ausiliario". 

I profili e parametri sono i seguenti:

Parametro 121 – Caposquadra ausiliari

I lavoratori inquadrati con il parametro retributivo 121 autoferrotranvieri e la mansione di Caposquadra ausiliari svolgono la seguente mansione, secondo la declaratoria del CCNL:

"Lavoratori che sono adibiti a compiti di coordinamento di altri lavoratori della stessa area professionale partecipando altresì all'attività lavorativa della squadra".

Parametro 116 – Operatore generico

I lavoratori inquadrati con il parametro retributivo 116 autoferrotranvieri e la mansione di Operatore generico svolgono la seguente mansione, secondo la declaratoria del CCNL:

"Lavoratori che sono adibiti a compiti di coordinamento degli Ausiliari, di manutenzione sulla sede e sull'armamento assicurando la protezione dei cantieri, di collaborazione alla manutenzione nelle officine e negli impianti, nonché nell'ambito di attività collaterali a quella del trasporto pubblico locale, inerenti alla mobilità delle persone, compiti quali, a titolo esemplificativo:

  • movimentazione e regolazione di flussi auto nei parcheggi;
  • sorveglianza parcheggi ed aree di sosta;
  • riscossione pedaggi e controllo abbonamenti parcheggi".

Parametro 110 – Ausiliario

I lavoratori inquadrati con il parametro retributivo 110 autoferrotranvieri e la mansione di Ausiliario svolgono la seguente mansione, secondo la declaratoria del CCNL:

"Lavoratori che svolgono mansioni di supporto alle attività degli uffici, anche all'esterno; di controllo della regolarità degli ingressi e degli accessi; di manovalanza e/o vigilanza sulla sede e sull'armamento, nonché presenziamento in posti di linea; di attività inerenti il servizio viaggiatori, di attività di limitata complessità complementari all'esercizio".

Parametro 100 – Ausiliario generico

I lavoratori inquadrati con il parametro retributivo 100 autoferrotranvieri e la mansione di Ausiliario generico svolgono la seguente mansione, secondo la declaratoria del CCNL:

"Lavoratore che svolgono compiti di sorveglianza e custodia delle unità aziendali nonché di manovalanza e/o pulizia".