Apa autoferrotranvieri

Gli scatti di anzianità nel settore autoferrotranvieri Mobilità TPL maturano ogni due anni di lavoro presso la stessa azienda e vengono riconosciuti fino a sei aumenti periodici dello stipendio, e quindi della retribuzione fissa e continuativa in busta paga, per un totale di massimo sei scatti biennali.

A prevedere gli aumenti periodi di anzianità, chiamati anche A.P.A. autoferrotranvieri è il contratto collettivo degli autoferrotranvieri, in particolare l’Accordo 25 luglio 1997 e l’Accordo 27 novembre 2000. Tali accordi  prevedono che “Il lavoratore ha diritto ad un aumento periodico per ogni biennio di anzianità di servizio”.

Il contratto autoferrotranvieri Mobilità TPL disciplina poi la decorrenza e la maturazione degli scatti di anzianità e le modalità di calcolo degli aumenti periodici di anzianità (A.P.A.) in caso di cambio di parametro retributivo e/o di livello di inquadramento.

Vediamo tutte le informazioni utili, con esempi di maturazione degli scatti di anzianità per le mansioni di Operatore di esercizio, Capo Treno e Operatore qualificato, Operatore di stazione e Macchinista. 

Decorrenza e maturazione scatti anzianità autoferrotranvieri

Il contratto autoferrotranvieri prevede che “Gli aumenti periodici di stipendio, dovuti all’anzianità di servizio, decorrono dal primo giorno del mese immediatamente successivo al compimento di ogni biennio di anzianità di servizio”.

Cosa significa? Per fare un esempio, un lavoratore assunto a gennaio del 2019 maturerà il primo scatto a partire dal 1 febbraio 2021, indipendentemente dalla data in cui è stato assunto (Non conta infatti se è assunto prima o dopo il 15 del mese, come funzionerebbe invece con la maturazione dei ratei di ferie).

Massimo sei scatti di anzianità nella stessa azienda

Il CCNL autoferrotranvieri prevede che “Il lavoratore ha diritto a maturare complessivamente nel corso del rapporto di lavoro presso la medesima azienda fino ad un massimo di 6 aumenti periodici di anzianità, indipendentemente dai livelli raggiunti”.

Occorre sottolineare alcuni aspetti importanti. In primis che la maturazione degli scatti di anzianità o A.P.A. è riferito alla “medesima azienda”, quindi gli scatti sono maturati dal lavoratore autoferrotranviere al superamento 2, 4, 6, 8, 10 e 12 anni nella stessa azienda e nel corso del singolo rapporto di lavoro.

La maturazione degli scatti è per un massimo di sei scatti, quindi appunto fino ai 12 anni di rapporto di lavoro, poi oltre il lavoratore non matura altri scatti. Ma soprattutto il contratto collettivo assegna il diritto ad un massimo di sei scatti di anzianità “indipendentemente dai livelli raggiunti”.

Occorre quindi precisare ulteriormente due cose. La prima è che gli scatti di anzianità spettano per qualsiasi parametro degli autoferrotranvieri. E la seconda cosa è che il contratto collettivo disciplina anche come funziona gli scatti in caso di passaggio di livello e parametro, cosa che è prevista.

Scatti di anzianità e cambi di qualifica o parametro

Il CCNL prevede che “In caso di avanzamenti e promozioni, di cambi di qualifica, anche nell'ambito dello stesso livello, il lavoratore conserverà il numero di A.P.A. già acquisito nella qualifica di provenienza ricalcolato sulla base del valore corrispondente al livello retributivo raggiunto, nonché le frazioni di biennio maturate”.

Il contratto prevede che in caso di cambio di parametro nel corso del rapporto di lavoro, il numero degli scatti di anzianità ossia degli A.P.A. si conserva ma viene ricalcolato in base al nuovo parametro raggiunto.

Vediamo alcuni esempi.

Esempio 1: maturazione scatti di anzianità operatore di esercizio

Per fare un esempio di passaggio di parametro, prendiamo il caso dell’operatore di esercizio. Secondo la norma sul passaggio di livello e parametro, l’operatore di esercizio viene assunto con il parametro retributivo 140, come parametro di accesso. Dopo 8 anni di guida effettiva, al lavoratore spetta il passaggio dal parametro 140 al parametro 158.

Quindi dopo 8 anni di anzianità, ossia in coincidenza della maturazione del sesto scatto di anzianità. Nel caso in esempio quindi il lavoratore avrà diritto alla maturazione di quattro scatti di anzianità secondo l’importo previsto nel parametro 140 per poi percepire, al superamento degli 8 anni di guida effettiva e di rapporto di lavoro, gli ulteriori due scatti di anzianità, il quinto e il sesto, nel parametro 158. Con importi aggiornati a quest’ultimo. Quindi nella busta paga del mese immediatamente successivo alla maturazione dell’ottavo anno di guida effettiva e di rapporto di lavoro, gli scatti di anzianità previsti saranno quelli dell’importo previsto dal quinto scatto di anzianità del parametro 158.

Non solo, siccome il lavoratore dopo 16 anni di guida effettiva, matura il diritto al passaggio dal parametro 158 al parametro 175, avrà diritto all’aggiornamento degli scatti di anzianità al sesto scatto di anzianità del parametro 175, in luogo del parametro 158. E dopo 21 anni di guida effettiva, siccome il lavoratore avrà diritto al passaggio al parametro 183, avrà diritto al sesto scatto di anzianità del parametro 183.

Esempio 2 – maturazione scatti anzianità del Capo Treno

Lo stesso percorso è valido per i lavoratori con mansione di Capo Treno parametro 140 che passano dopo 8 anni al parametro 158 (spetta il quinto scatto di anzianità parametro 158) e dopo 16 anni al parametro 165 (spetta il sesto scatto di anzianità parametro 165).

Esempio 3 – maturazione scatti di anzianità del Macchinista

Il percorso è uguale per i lavoratori con la mansione di Macchinista parametro 153, che dopo 8 anni di condotta effettiva, passano al parametro 165 (spetta il quinto scatto di anzianità parametro 165). Gli stessi lavoratori dopo 16 anni di condotta effettiva passano al parametro 183 (spetta il passaggio al sesto scatto di anzianità del parametro 183) e dopo 21 anni di condotta effettiva passano al parametro 190 (spetta il passaggio al sesto scatto di anzianità del parametro 190).

Esempio 4 – maturazione scatti di anzianità dell’Operatore qualificato

L’esempio è valido anche per i lavoratori con mansione di operatore qualificato di ufficio che passano dal parametro 140 al parametro 155 dopo sei anni di svolgimento delle mansioni proprie della figura (e quindi passano dopo 6 anni al terzo scatto di anzianità del parametro 155).

Analogo discorso per l’operatore qualificato della manutenzione, impianti e officine parametro 140 che dopo sei anni passa al parametro 160 (e quindi passano dopo 6 anni al terzo scatto di anzianità del parametro 160).

Esempio 5 – maturazione scatti di anzianità dell’Operatore di stazione

E’ altresì valido per i lavoratori con mansione di operatore di stazione parametro 139 che dopo 6 anni di svolgimento della mansione passano al parametro 143 (e quindi al terzo scatto di anzianità del parametro 143).

 

Scatti di anzianità per ogni parametro: tutti gli importi

Riportiamo ora tutti gli scatti di anzianità per ogni biennio maturato. Il diritto allo scatto di anzianità matura al primo giorno del mese successivo alla maturazione del biennio nella stessa azienda.

La maturazione degli scatti di anzianità autoferrotranvieri Mobilità TPL, pertanto, è la seguente:

  • primo scatto di anzianità biennale dopo due anni di lavoro presso la stessa azienda;
  • secondo scatto di anzianità biennale dopo quattro anni di lavoro presso la stessa azienda;
  • terzo scatto di anzianità biennale dopo sei anni di lavoro presso la stessa azienda;
  • quarto scatto di anzianità biennale dopo otto anni di lavoro presso la stessa azienda;
  • quinto scatto di anzianità biennale dopo dieci anni di lavoro presso la stessa azienda;
  • sesto scatto di anzianità biennale dopo dodici anni di lavoro presso la stessa azienda.

In caso di passaggio di parametro, bisogna considerare lo scatto maturato nel parametro superiore. Oltre i sei scatti, il lavoratore non matura altri scatti.

Vediamo la tabella scatti di anzianità autoferrotranvieri, ossia gli importi per ogni scatto in base ad ogni parametro.

 

Scatti di anzianità Parametro 250 – Resp. unità amministrativa/tecnica complessa:

  • Primo scatto biennale: 38,31 euro;
  • Secondo scatto biennale: 76,62 euro;
  • Terzo scatto biennale: 114,93 euro;
  • Quarto scatto biennale: 153,24 euro;
  • Quinto scatto biennale: 191,55 euro;
  • Sesto scatto biennale: 229,86 euro.

Scatti di anzianità Parametro 230 – Professional/Capo unità organizzativa amministrativa/tecnica:

  • Primo scatto biennale: 35,25 euro;
  • Secondo scatto biennale: 70,50 euro;
  • Terzo scatto biennale: 105,75 euro;
  • Quarto scatto biennale: 141,00 euro;
  • Quinto scatto biennale: 176,25 euro;
  • Sesto scatto biennale: 211,50 euro.

Scatti di anzianità Parametro 210 – Coordinatore di Esercizio/Coordinatore/Coordinatore ferroviario (posizione 2):

  • Primo scatto biennale: 32,18 euro;
  • Secondo scatto biennale: 64,36 euro;
  • Terzo scatto biennale: 96,54 euro;
  • Quarto scatto biennale: 128,72 euro;
  • Quinto scatto biennale: 160,90 euro;
  • Sesto scatto biennale: 193,08 euro.

Scatti di anzianità Parametro 205 – Capo unità tecnica/Coordinatore di Ufficio:

  • Primo scatto biennale: 31,42 euro;
  • Secondo scatto biennale: 63,38 euro;
  • Terzo scatto biennale: 95,07 euro;
  • Quarto scatto biennale: 126,76 euro;
  • Quinto scatto biennale: 158,45 euro;
  • Sesto scatto biennale: 190,14 euro.

Scatti di anzianità Parametro 202 – Coordinatore ferroviario (posizione 1):

  • Primo scatto biennale: 30,96 euro;
  • Secondo scatto biennale: 62,84 euro;
  • Terzo scatto biennale: 94,26 euro;
  • Quarto scatto biennale: 125,68 euro;
  • Quinto scatto biennale: 157,10 euro;
  • Sesto scatto biennale: 188,52 euro.

Scatti di anzianità Parametro 193 – Specialista tecnico/amministrativo/Addetto all'Esercizio/Capo stazione/Assistente Coordinatore

  • Primo scatto biennale: 29,58 euro;
  • Secondo scatto biennale: 61,92 euro;
  • Terzo scatto biennale: 92,88 euro;
  • Quarto scatto biennale: 123,84 euro;
  • Quinto scatto biennale: 154,80 euro;
  • Sesto scatto biennale: 185,76 euro.

Scatti di anzianità Parametro 190 – Tecnico di bordo/Macchinista (posizione 4):

  • Primo scatto biennale: 29,12 euro;
  • Secondo scatto biennale: 59,16 euro;
  • Terzo scatto biennale: 88,74 euro;
  • Quarto scatto biennale: 118,32 euro;
  • Quinto scatto biennale: 147,90 euro;
  • Sesto scatto biennale: 177,48 euro.

Scatti di anzianità Parametro 188 – Capo Operatori

  • Primo scatto biennale: 28,81 euro;
  • Secondo scatto biennale: 58,24 euro;
  • Terzo scatto biennale: 87,36 euro;
  • Quarto scatto biennale: 116,48 euro;
  • Quinto scatto biennale: 145,60 euro;
  • Sesto scatto biennale: 174,72 euro.

Scatti di anzianità Parametro 183 – Macchinista (posizione 3)/Operatore di Esercizio (posizione 4):

  • Primo scatto biennale: 27,83 euro;
  • Secondo scatto biennale: 57,62 euro;
  • Terzo scatto biennale: 86,43 euro;
  • Quarto scatto biennale: 115,24 euro;
  • Quinto scatto biennale: 144,05 euro;
  • Sesto scatto biennale: 172,86 euro.

Scatti di anzianità Parametro 180 – Operatore Certificatore:

  • Primo scatto biennale: 27,59 euro;
  • Secondo scatto biennale: 55,66 euro;
  • Terzo scatto biennale: 83,49 euro;
  • Quarto scatto biennale: 111,32 euro;
  • Quinto scatto biennale: 139,15 euro;
  • Sesto scatto biennale: 166,98 euro.

 Scatti di anzianità Parametro 178 – Coordinatore della Mobilità:

  • Primo scatto biennale: 27,28 euro;
  • Secondo scatto biennale: 55,18 euro;
  • Terzo scatto biennale: 82,77 euro;
  • Quarto scatto biennale: 110,36 euro;
  • Quinto scatto biennale: 137,95 euro;
  • Sesto scatto biennale: 165,54 euro.

Scatti di anzianità Parametro 175 – Collaboratore di ufficio/Operatore di Esercizio (posizione 3):

  • Primo scatto biennale: 26,85 euro;
  • Secondo scatto biennale: 54,56 euro;
  • Terzo scatto biennale: 81,84 euro;
  • Quarto scatto biennale: 109,12 euro;
  • Quinto scatto biennale: 136,40 euro;
  • Sesto scatto biennale: 163,68 euro.

Scatti di anzianità Parametro 170 – Operatore Tecnico/Addetto alla mobilità:

  • Primo scatto biennale: 26,05 euro;
  • Secondo scatto biennale: 53,70 euro;
  • Terzo scatto biennale: 80,55 euro;
  • Quarto scatto biennale: 107,40 euro;
  • Quinto scatto biennale: 134,25 euro;
  • Sesto scatto biennale: 161,10 euro.

Scatti di anzianità Parametro 165 – Macchinista (posizione 2)/Capo Treno (posizione 3):

  • Primo scatto biennale: 25,29 euro;
  • Secondo scatto biennale: 52,10 euro;
  • Terzo scatto biennale: 78,15 euro;
  • Quarto scatto biennale: 104,20 euro;
  • Quinto scatto biennale: 130,25 euro;
  • Sesto scatto biennale: 156,30 euro.

Scatti di anzianità Parametro 160 – Operatore Qualificato (posizione 2):

  • Primo scatto biennale: 24,65 euro;
  • Secondo scatto biennale: 50,58 euro;
  • Terzo scatto biennale: 75,87 euro;
  • Quarto scatto biennale: 101,16 euro;
  • Quinto scatto biennale: 126,45 euro;
  • Sesto scatto biennale: 151,74 euro.

Scatti di anzianità Parametro 158 – Operatore di Gestione/di Esercizio (posizione 2)/di Movimento e Gestione/Capo treno (posizione 2):

  • Primo scatto biennale: 24,65 euro;
  • Secondo scatto biennale: 49,30 euro;
  • Terzo scatto biennale: 73,95 euro;
  • Quarto scatto biennale: 98,60 euro;
  • Quinto scatto biennale: 123,25 euro;
  • Sesto scatto biennale: 147,90 euro.

Scatti di anzianità Parametro 155 – Operatore Qualificato di Ufficio (posizione 2)

  • Primo scatto biennale: 23,75 euro;
  • Secondo scatto biennale: 49,30 euro;
  • Terzo scatto biennale: 73,95 euro;
  • Quarto scatto biennale: 98,60 euro;
  • Quinto scatto biennale: 123,25 euro;
  • Sesto scatto biennale: 147,90 euro.

Scatti di anzianità Parametro 154 – Assistente alla clientela:

  • Primo scatto biennale: 23,60 euro;
  • Secondo scatto biennale: 47,50 euro;
  • Terzo scatto biennale: 71,25 euro;
  • Quarto scatto biennale: 95,00 euro;
  • Quinto scatto biennale: 118,75 euro;
  • Sesto scatto biennale: 142,50 euro.

Scatti di anzianità Parametro 153 – Macchinista (posizione 1):

  • Primo scatto biennale: 23,45 euro;
  • Secondo scatto biennale: 47,20 euro;
  • Terzo scatto biennale: 70,80 euro;
  • Quarto scatto biennale: 94,40 euro;
  • Quinto scatto biennale: 118,00 euro;
  • Sesto scatto biennale: 141,60 euro.

Scatti di anzianità Parametro 151 – Operatore Qualificato della Mobilità:

  • Primo scatto biennale: 23,14 euro;
  • Secondo scatto biennale: 46,90 euro;
  • Terzo scatto biennale: 70,35 euro;
  • Quarto scatto biennale: 93,80 euro;
  • Quinto scatto biennale: 117,25 euro;
  • Sesto scatto biennale: 140,70 euro.

Scatti di anzianità Parametro 145 – Operatore F.T.A. (posizione 2):

  • Primo scatto biennale: 22,22 euro;
  • Secondo scatto biennale: 46,28 euro;
  • Terzo scatto biennale: 69,42 euro;
  • Quarto scatto biennale: 92,56 euro;
  • Quinto scatto biennale: 115,70 euro;
  • Sesto scatto biennale: 138,84 euro.

Scatti di anzianità Parametro 143 – Operatore di Stazione (posizione 2):

  • Primo scatto biennale: 21,92 euro;
  • Secondo scatto biennale: 43,84 euro;
  • Terzo scatto biennale: 65,76 euro;
  • Quarto scatto biennale: 87,68 euro;
  • Quinto scatto biennale: 109,60 euro;
  • Sesto scatto biennale: 131,52 euro.

Scatti di anzianità Parametro 140 – Operatore Qualificato di Ufficio (posizione 1)/Op. di Esercizio (posizione 1)/ Op. qualificato (posizione 1)/ Capo treno (posizione 1):

  • Primo scatto biennale: 21,46 euro;
  • Secondo scatto biennale: 42,92 euro;
  • Terzo scatto biennale: 64,38 euro;
  • Quarto scatto biennale: 85,84 euro;
  • Quinto scatto biennale: 107,30 euro;
  • Sesto scatto biennale: 128,76 euro.

Scatti di anzianità Parametro 139 – Operatore di stazione (posizione 1):

  • Primo scatto biennale: 21,06 euro;
  • Secondo scatto biennale: 42,12 euro;
  • Terzo scatto biennale: 63,18 euro;
  • Quarto scatto biennale: 84,24 euro;
  • Quinto scatto biennale: 105,30 euro;
  • Sesto scatto biennale: 126,36 euro.

Scatti di anzianità Parametro 138 – Operatore della mobilità:

  • Primo scatto biennale: 21,06 euro;
  • Secondo scatto biennale: 42,12 euro;
  • Terzo scatto biennale: 63,18 euro;
  • Quarto scatto biennale: 84,24 euro;
  • Quinto scatto biennale: 105,30 euro;
  • Sesto scatto biennale: 126,36 euro.

Scatti di anzianità Parametro 135 – Capo squadra operatori di manovra/Operatore di Scambi di cabina:

  • Primo scatto biennale: 20,69 euro;
  • Secondo scatto biennale: 41,38 euro;
  • Terzo scatto biennale: 62,07 euro;
  • Quarto scatto biennale: 82,76 euro;
  • Quinto scatto biennale: 103,45 euro;
  • Sesto scatto biennale: 124,14 euro.

Scatti di anzianità Parametro 130 – Operatore di ufficio/Op. di manutenzione:

  • Primo scatto biennale: 19,92 euro;
  • Secondo scatto biennale: 39,84 euro;
  • Terzo scatto biennale: 59,76 euro;
  • Quarto scatto biennale: 79,68 euro;
  • Quinto scatto biennale: 99,60 euro;
  • Sesto scatto biennale: 119,52 euro.

Scatti di anzianità Parametro 129 – Collaboratore di Esercizio:

  • Primo scatto biennale: 19,77 euro;
  • Secondo scatto biennale: 39,54 euro;
  • Terzo scatto biennale: 59,31 euro;
  • Quarto scatto biennale: 79,08 euro;
  • Quinto scatto biennale: 98,85 euro;
  • Sesto scatto biennale: 118,62 euro.

Scatti di anzianità Parametro 123 – Operatore di manovra:

  • Primo scatto biennale: 19,10 euro;
  • Secondo scatto biennale: 38,20 euro;
  • Terzo scatto biennale: 57,30 euro;
  • Quarto scatto biennale: 76,40 euro;
  • Quinto scatto biennale: 95,50 euro;
  • Sesto scatto biennale: 114,60 euro.

Scatti di anzianità Parametro 121 – Capo squadra ausiliari:

  • Primo scatto biennale: 18,54 euro;
  • Secondo scatto biennale: 37,08 euro;
  • Terzo scatto biennale: 55,62 euro;
  • Quarto scatto biennale: 74,16 euro;
  • Quinto scatto biennale: 92,70 euro;
  • Sesto scatto biennale: 111,24 euro.

 Scatti di anzianità Parametro 116 – Operatore generico:

  • Primo scatto biennale: 17,78 euro;
  • Secondo scatto biennale: 35,56 euro;
  • Terzo scatto biennale: 53,34 euro;
  • Quarto scatto biennale: 71,12 euro;
  • Quinto scatto biennale: 88,90 euro;
  • Sesto scatto biennale: 106,68 euro.

Scatti di anzianità Parametro 110 – Ausiliario:

  • Primo scatto biennale: 16,93 euro;
  • Secondo scatto biennale: 33,86 euro;
  • Terzo scatto biennale: 50,79 euro;
  • Quarto scatto biennale: 67,72 euro;
  • Quinto scatto biennale: 84,65 euro;
  • Sesto scatto biennale: 101,58 euro.

 Scatti di anzianità Parametro 100 – Ausiliario generico:

  • Primo scatto biennale: 15,33 euro;
  • Secondo scatto biennale: 30,66 euro;
  • Terzo scatto biennale: 45,99 euro;
  • Quarto scatto biennale: 61,32 euro;
  • Quinto scatto biennale: 76,65 euro;
  • Sesto scatto biennale: 91,98 euro.