Scatti di anzianità grafici industriali

Gli scatti di anzianità nel CCNL Grafica editoria industria sono determinati in misura fissa in base al livello di inquadramento, sia per gli operai che per gli impiegati. Gli importi a partire dal 2021 sono diversi per il settore Editoria rispetto al settore Grafica.

Ai lavoratori spettano 5 scatti biennali per l’anzianità di servizio maturata presso la stessa azienda.

Gli scatti di anzianità dei grafici editoriali industria vanno da 16,01 euro a 11,88 euro per i livelli da 1 a 7 del settore Editoria. E da 10,33 a 16,01 euro per i livelli da A ad E per il settore Grafici.

Con il rinnovo del CCNL Grafica editoria, a seguito degli accordi del 19 gennaio 2021 e del 9 aprile 2021, quindi, l’importo degli scatti di anzianità è differenziato, a seconda che si tratti di dipendenti delle aziende grafiche (settore Grafici) o di quelle editoriali (settore Editori).

Vediamo nel dettaglio gli importi degli aumenti periodi di anzianità dei grafici editoriali, rapportati a mese.

Scatti di anzianità CCNL Grafica Editoria: gli importi dal 2021

L’accordo di rinnovo del CCNL Grafici editoria industria a partire dal 1 gennaio 2021, ha modificato gli art. 8 e 9 relativi agli aumenti periodici di anzianità rispettivamente per gli operai e gli impiegati del comparto a cui si applica il contratto dei grafici editori industria.

Nello specifico è stabilito che: “Ai lavoratori per l’anzianità di servizio maturata presso la stessa azienda indipendentemente da qualsiasi aumento di merito sarà corrisposto per ogni biennio e fino ad un massimo di 5 bienni un aumento in cifra fissa differenziata per ciascun livello retributivo”.

Scatti di anzianità settore Grafici

Per quanto riguarda i grafici “L’importo degli aumenti – rapportato a mese – è il seguente:

  • Gruppo A: 16,01 euro;
  • Livello B/1S: 14,46 euro;
  • Livello B/1: 14,46 euro;
  • Livello B/2: 13,94 euro;
  • Livello B/3: 13,43 euro;
  • Livello C/1: 12,91 euro;
  • Livello C/2: 12,39 euro;
  • Livello D/1: 11,88 euro;
  • Livello D/2: 11,36 euro;
  • Livello E: 10,33 euro".

Scatti di anzianità settore Editori

Per quanto riguarda, invece, gli editori “L’importo degli aumenti – rapportato a mese – è il seguente:

  • Livello 1: 16,01 euro;
  • Livello 2: 16,01 euro;
  • Livello 3: 14,46 euro;
  • Livello 4: 13,94 euro;
  • Livello 5: 13,43 euro;
  • Livello 6: 12,91 euro;
  • Livello 7: 11,88 euro".

Sia per quanto riguarda i grafici che per gli editori, secondo quanto stabilito dall'accordo di rinnovo "detti aumenti biennali fanno parte della retribuzione e non saranno considerati agli effetti della retribuzione ad incentivo".

Sostanzialmente, ciò vuol dire che vanno ad incidere sulla retribuzione fissa e continuativa posta a base di calcolo della retribuzione in busta paga, ma non devono incidere sulle formule di retribuzione incentivanti del lavoratore.

Scatti di anzianità dal 2014 al 2020

Gli aumenti periodici di anzianità secondo il previgente CCNL Grafici Industria del 16 ottobre 2014 prevedevano per gli operai (articolo 8),  i seguenti importi degli aumenti rapportato a mese:

  • B/1S = euro 14,46;
  • B/1 = euro 14,46;
  • B/2 = euro 13,94;
  • B/3 = euro 13,43;
  • C/1 = euro 12,91;
  • C/2 = euro 12,39;
  • D/1 = euro 11,88;
  • D/2 = euro 11,36;
  • E = euro 10,33.

Gli aumenti periodici di anzianità secondo il previgente CCNL Grafici Industria del 16 ottobre 2014 prevedevano per gli impiegati (articolo 9),  i seguenti importi degli aumenti rapportato a mese:

  • Gruppo A = euro 16,01;
  • B/1S = euro 14,46;
  • B/1 = euro 14,46;
  • B/2 = euro 13,94;
  • B/3 = euro 13,43;
  • C/1 = euro 12,91;
  • C/2 = euro 12,39.

Gli scatti di anzianità appena descritti sono attribuiti fino al 31 dicembre 2020 ai lavoratori sia del settore Grafica che Editoria.

A partire dal 1 gennaio 2021, gli aumenti periodici o scatti di anzianità vanno riconosciuti in base al settore ed in base al livello di inquadramento secondo i nuovi importi e livelli previsti dall'accordo di rinnovo del CCNL Grafica Editoria del 2021.

Pertanto, nel settore Editoria, il lavoratore cambia livello di inquadramento, secondo quanto disciplinato dall'accordo, passando ad uno dei livelli da 1 a 7 e gli spetterà il corrispondente aumento periodico di anzianità alla maturazione dello scatto biennale.

Calcolo decorrenza scatti di anzianità

Nel CCNL Grafici editoria industria è stabilito che: “Gli aumenti periodici decorrono dal primo giorno del mese immediatamente successivo quello in cui si compie il biennio di anzianità”.

Quindi, gli scatti di anzianità spettano qualora si sia compiuto il biennio di anzianità, quindi ogni due anni interamente lavorati e non spetta per frazioni di anno.

Il CCNL precisa inoltre "Tuttavia, qualora vi sia automatismo di carriera, l’anzianità utile ai fini della maturazione degli aumenti periodici decorre dal primo giorno del mese successivo a quello in cui il lavoratore avrà completato il previsto iter del proprio profilo professionale".

Scatti di anzianità e passaggio di livello: cosa accade

Qualora avvenga, in corso di anno un passaggio di livello, così come stabilisce il contratto collettivo “poiché l’anzianità valida per la maturazione degli scatti è quella aziendale, in caso di passaggio di livello, si procederà alla rivalutazione degli scatti maturati al valore corrispondente al livello di acquisizione e la frazione del biennio in corso di maturazione sarà utile per l’attribuzione dello scatto al valore del nuovo livello”.

Quindi, il valore dello scatto sarà quello del livello di acquisizione e per il calcolo dell’anzianità e l’attribuzione dello scatto si farà riferimento anche alla frazione di biennio già maturata nel livello precedente.