Il Consiglio dei Ministri del Governo Renzi ha approvato tante importanti novità in materia di contratti di lavoro. Pesanti abrogazioni arrivano dallo “Schema di decreto legislativo recante il testo organico delle tipologie contrattuali e la revisione della disciplina delle mansioni, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183” approvato dal Consiglio dei Ministri il giorno 20 febbraio 2015. Il Decreto dovrebbe andare in vigore dal 1 marzo, secondo quanto dichiarato dal Ministro Poletti.

Abrogata in gran parte la Riforma Biagi. Sono state infatti abrogate le normative riguardanti

  • Il contratto a tempo parziale;
  • La somministrazione di lavoro (Legge Biagi);
  • Il lavoro a tempo determinato;
  • Il lavoro ripartito (Legge Biagi);
  • Il Testo Unico sull’apprendistato.

L’art. 46 del Decreto contiene l’elenco delle abrogazioni e norme transitorie. Sono abrogate le seguenti disposizioni di legge

  • il decreto legislativo 25 febbraio 2000, n. 61 in materia di accordo-quadro sul lavoro a tempo parziale;
  • gli articoli 18, commi 3 e 3-bis, e da 20 a 28 del decreto legislativo n. 276 del 2003. Ossia tutta la normativa sulla somministrazione di lavoro prevista dalla Riforma Biagi;
  • il decreto legislativo 6 settembre 2001, n. 368, in materia di accordo quadro sul lavoro a tempo determinato. L’articolo 2 “Disciplina aggiuntiva per il trasporto aereo ed i servizi aeroportuali” è abrogato a far data dai diciotto mesi successivi all’entrata in vigore del presente decreto (1 marzo);
  • il Capo II del Titolo V del decreto legislativo n. 276 del 2003, ossia tutta la normativa in materia di lavoro ripartito;
  • il decreto legislativo 14 settembre 2011, n. 167, ossia il Testo Unico dell’Apprendistato.

Inoltre è previsto che sono abrogate “tutte le disposizioni di legge, non espressamente richiamate dal presente decreto legislativo, che siano incompatibili con la disciplina da esso introdotta”.

Nel Decreto in luogo delle norme abrogate di cui sopra viene introdotta una nuova disciplina in materia di lavoro a tempo parziale, lavoro a tempo determinato, somministrazione di lavoro e apprendistato. Pertanto, dalla data di entrata in vigore del Decreto, sarà in vigore una nuova normativa riguardante questi contratti di lavoro.

Vengono anche introdotte delle norme per l’applicazione della disciplina del lavoro subordinato alle collaborazioni organizzate dal committente, la stabilizzazione dei collaboratori coordinati e continuativi anche a progetto e di persone titolari di partita IVA. E soprattutto norme riguardanti il superamento del contratto a progetto a partire dal 2016 ed il superamento dell’associazione in partecipazione con apporto di lavoro. Colpo finale alla Riforma Biagi, il D. Lgs. n. 276 del 2003.

Consulente del lavoro in Napoli. Esperto di diritto del lavoro e previdenza, di buste paga e vertenze di lavoro. Ama districarsi nell’area fiscale. E risolvere problemi dei lavoratori, delle imprese e dei contribuenti. Email: abarbato@fanpage.it.