rinnovo contratto poste italiane

Dal 1° ottobre 2018 i lavoratori dipendenti di poste italiane assunti con contratti non dirigenziali beneficeranno di un aumento di stipendio. Partono infatti dal 1° ottobre 2018 gli aumenti stipendio del CCNL poste italiane.

Da 55,03 euro al mese in più per lavoratori inquadrati al livello A, fino a 33,88 euro al mese in più per un lavoratore inquadrato al livello F. Saranno questi i nuovi minimi tabellari decisi dal rinnovo CCNL Poste Italiane CCNL del 30 novembre 2011.

Cosa aumenta in busta paga CCNL Poste Italiane S.p.A.

La prima cosa da chiarire è che aumenta lo stipendio del personale di Poste Italiane SpA perché il rinnovo del CCNL del 30 novembre 2017, ha deciso un aumento contrattuale della paga base dei lavoratori. Aumenta solo la paga base, quindi il minimo contrattuale restando invece invariati gli eventuali altri elementi.

Dovranno quindi essere aggiornate le tabelle retributive relative al CCNL Poste Italiane, relative al comparto del personale non dirigente. Vediamo tutto sugli aumenti di stipendio.

L’aumento di stipendio dal 1 ottobre 2018

L’aumento di stipendio per il personale assunto da Poste Italiane Spa sarà erogato dal 1 ottobre 2018, quindi a partire dalla busta paga di ottobre 2018 e nei mesi successivi.

In realtà, con l’Accordo di rinnovo di novembre 2017 era stato previsto un ulteriore aumento di stipendio, erogato già dal mese di febbraio 2018.

L’aumento mensile del minimo stipendiale (paga base) dei lavoratori del CCNL Poste Italiane S.p.a. è pari a:

  • 55,03 euro per il livello A – A1 (lavoratori inquadrati al livello A1);
  • 49,96 euro per il livello A – A2 (lavoratori inquadrati al livello A2);
  • 44,14 euro per il livello B (lavoratori inquadrati al livello B);
  • 41,50 euro per il livello C (lavoratori inquadrati al livello C);
  • 40,07 euro per il livello D (lavoratori inquadrati al livello D);
  • 36,74 euro per il livello E (lavoratori inquadrati al livello E);
  • 33,88 euro per il livello F (lavoratori inquadrati al livello F).

Tabella retributiva CCNL Poste Italiane da ottobre 2018

La conseguenza è che il minimo di stipendio, la contingenza e gli altri elementi dal 1 ottobre 2018 sono i seguenti:

  • 2.732,56 euro, di cui 1.795,45 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 545,44 euro come indennità di contingenza + EDR e 391,67 euro come altri elementi (Terzo elemento della retribuzione, ecc.) per i il livello A1 produzione;
  • 2.674,22 euro, di cui 1.795,45 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 545,44 euro come indennità di contingenza + EDR e 333,33 euro come altri elementi (Terzo elemento della retribuzione, ecc.) per i il livello A1 staff;
  • 2.358,57 euro, di cui 1.587,43 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 537,81 euro come indennità di contingenza + EDR e 233,33 euro come altri elementi (Terzo elemento della retribuzione, ecc.) per i il livello A2 produzione;
  • 2.312,74 euro, di cui 1.587,43 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 537,81 euro come indennità di contingenza + EDR e 187,50 euro come altri elementi (Terzo elemento della retribuzione, ecc.) per i il livello A2 staff;
  • 1.877,87 euro, di cui 1.353,01 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 524,86 euro come indennità di contingenza + EDR per i il livello B;
  • 1.765,42 euro, di cui 1.240,56 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 524,86 euro come indennità di contingenza + EDR per i il livello C;
  • 1.704,74 euro, di cui 1.179,88 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 524,86 euro come indennità di contingenza + EDR per i il livello D;
  • 1.562,83 euro, di cui 1.037,97 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 524,86 euro come indennità di contingenza + EDR per i il livello E;
  • 1.441,28 euro, di cui 924,25 euro come paga base (minimo tabellare o di stipendio), 517,03 euro come indennità di contingenza + EDR per i il livello F.

Come controllare aumento della paga base in busta paga. Sono questi i valori per il nuovo stipendio personale non dirigente di Poste Italiane a partire dal 1° ottobre 2018. Il lavoratore potrà trovare l’aumento della retribuzione a partire dalla busta paga di ottobre 2018 nella del cedolino paga che accoglie gli elementi fissi e continuativi della retribuzione.

L’aumento è ovviamente lordo, per calcolare quanto è il netto in busta paga percepito in più bisognerà considerare che sull’aumento del minimo stipendiale il datore di lavoro tratterrà i contributi previdenziali a carico del lavoratore e poi successivamente verrà applicata la tassazione Irpef.

Tabella retributiva dal 1 febbraio 2018

Tuttavia l’aumento del 1 ottobre 2018 non è stato l’unico; già a febbraio era stato erogato un aumento in busta paga relativo ai minimi tabellari, valido quindi da febbraio a settembre 2018.

Dal 1° febbraio 2018 era già stato aumentato lo di stipendio da 53,04 a 32,66 euro al mese, con la conseguenza è che il minimo di stipendio, la contingenza e gli altri elementi dal 1 febbraio 2018 erano i seguenti:

  • 2.677,53 euro per il livello A1 produzione;
  • 2.619,19 euro per il livello A1 staff;
  • 2.308,61 euro per il livello A2 produzione;
  • 2.262,78 euro per il livello A2 staff;
  • 1.833,73 euro per il livello B;
  • 1.723,92 euro per il livello C; 664,67 euro per il livello D;
  • 1.526,09 euro per il livello E;
  • 1.407,40 euro per il livello F.

 

Per maggiori informazioni vediamo il rinnovo contratto Poste Italiane dal 2018.