pin per 730 precompilato

Dal 16 aprile 2018 in poi, lavoratori dipendenti, pensionati Inps, Inpdap, ecc e gli altri contribuenti possono scaricare il modello 730 precompilato sul sito dell’Agenzia delle Entrate. Solo che per accedere al 730 precompilato occorre il PIN, che può essere sia il pin di Fisconline dell’Agenzia delle Entrate, ma anche il pin di tipo di dispositivo dell’Inps, così come è possibile accedere al 730 precompilato online con identità SPID e con la Carta nazionale dei Servizi (CNS). Vediamo quindi tutti i PIN per il 730 precompilato  e quali sono le varie modalità per ottenerli rapidamente.

Il 730 precompilato 2018 può essere raggiunto con i seguenti PIN:

  • PIN Fisconline Agenzia delle Entrate;
  • PIN dispositivo Inps;
  • Identità Digitale SPID;
  • Carta nazionale dei servizi (CNS);
  • Password NoiPA (per dipendenti pubblici).

Ottenere il PIN Inps o il PIN Fisconline Agenzia delle Entrate per il 730 precompilato non è difficile, ma è comunque necessario compiere tutti i passi. E le principali vie per ottenere l’accesso al 730 precompilato sono la richiesta del PIN online oppure, per velocizzare, il recarsi presso l’Inps o presso gli uffici dell’Agenzia delle Entrate.

Analogo discorso vale per la Carta Nazionale dei Servizi, che va richiesta presso la Camera di Commercio, che per l’identità digitale SPID che va richiesta presso uno dei provider.

Occorre quindi valutare bene come richiedere uno dei PIN per il 730 precompilato, se farlo via internet online, oppure recandosi presso gli uffici.

Quale PIN richiedere per il 730 precompilato

Altra cosa da valutare è quale dei PIN richiedere.

A primo impatto la scelta è tra il PIN dispositivo INPS ed il PIN Fisconline Agenzia Entrate, senza sottovalutare l’ipotesi di richiederli entrambi.

Questi codici PIN, infatti, sono utili per molteplici funzioni. Sono utili infatti anche per consultare il proprio estratto conto contributivo (nel caso dell’Inps) o la propria posizione fiscale sul cassetto dell’Agenzia delle Entrate, oltre che inviare una serie di comunicazioni o richieste. E per coloro che usano le credenziali per motivazioni professionali può convenire una CNS.

I PIN dell’Inps e dell’Agenzia delle Entrate sono utili quindi non solo per presentare il 730 precompilato, ma anche per effettuare richieste, per verificare i contributi Inps versati, gli anni di lavoro dipendente accreditati, le prestazioni a sostegno del reddito (ed. Naspi) usufruite, ciò per quanto riguarda l’Inps, oppure per consultare tutte le dichiarazioni dei redditi presentate negli anni precedenti, nonché i versamenti d’imposta effettuati per quanto riguarda il pin dell’Agenzia delle Entrate.

Da qualche anno è in vigore anche il progetto identità digitale SPID, che ha l’obiettivo di fornire al cittadino, in qualità non solo di contribuente, di un pin univoco per tutte le esigenze nei confronti delle amministrazioni pubbliche, ivi compreso pratiche presso il Comune. A regime tale PIN sostituirà tutti gli altri.

Affrontiamo quindi una panoramica su come ottenere i pin per il 730 precompilato, partendo in primis dalle modalità di accesso al 730 precompilato. E poi valutando per ogni tipologia di PIN cosa conviene fare per ottenerli rapidamente.

730 precompilato online: modalità di accesso

La prima cosa da sapere è che il modello 730 precompilato viene messo a disposizione del contribuente, a partire dal 16 aprile 2018, in un’apposita sezione del sito internet dell’Agenzia delle entrate www.agenziaentrate.gov.it affinché gli interessati possano vedere il 730 precompilato.

Ecco il link per accedere al 730 precompilato.

E questa è la home dove si possono reperite tutte le informazioni utili.

Per accedere al 730 precompilato online è necessario essere in possesso del Codice PIN Agenzia Entrate (Fisconline), che può essere richiesto:

  • online, accedendo al sito internet dell’Agenzia www.agenziaentrate.gov.it e inserendo alcuni dati personali;
  • in ufficio, presentando il modulo di richiesta unitamente a un documento di identità.

È possibile accedere al 730 precompilato anche utilizzando:

  • un’identità SPID – Sistema pubblico d’identità digitale;
  • il PIN dispositivo Inps;
  • una Carta Nazionale dei Servizi.

La principale modalità di accesso al 730 precompilato è quindi l’accesso tramite il PIN dell’Agenzia delle Entrate, il PIN di Fisconline per i contribuenti (e in realtà anche il pin di Entratel per gli intermediari abilitati qualora vogliano presentare anche la loro dichiarazione dei redditi, quindi accedono come cittadino).

La modalità di accesso al 730 precompilato forse più comune e utilizzata è l’accesso al 730 precompilato tramite Pin Inps. E qui c’è subito una cosa da sottolineare: non basta il codice Pin Inps normale, ma ci vuole il codice PIN Inps di tipo dispositivo, quindi occorre anche valutare come si converte il codice Pin in Pin dispositivo, il Pin eventualmente in possesso del lavoratore contribuente.

Altre modalità di accesso, meno conosciute, sono gli accessi tramite identità digitale SPID e tramite CNS.

Andiamo per ordine e affrontiamo tutte le modalità, analizzando anche come conviene richiederli.

 

730 precompilato: richiesta codice Pin Agenzia delle Entrate (Fisconline)

L’Agenzia delle Entrate mette a disposizione dei contribuenti molteplici servizi per semplificare sempre di più il rapporto tra amministrazione finanziaria e soggetti contribuenti appunto. Tra i servizi disponibili sicuramente la possibilità di compilare autonomamente la propria dichiarazione dei redditi o anche 730 è di fondamentale importanza.

I Servizi fiscali online dell’Agenzia delle Entrate permettono ai contribuenti di dichiarare, versare, registrare, consultare, calcolare quanto inerente alla loro posizione fiscale. Attraverso l’utilizzo del sito internet il contribuente può farlo comodamente da casa.

Alcuni servizi dell’Agenzia delle Entrate possono essere utilizzati senza essere in possesso di credenziali di accesso, altri invece richiedono il possesso di un codice Pin.

Il contribuente persona fisica che vuole usufruire dei servizi web dell’Agenzia delle Entrate tra cui il 730 precompilato deve registrarsi ai servizi Entratel e Fisconline e ottenere il codice Pin.

Come si richiede il codice PIN Fiscoline? Il codice Pin per poter accedere al proprio Fisconline e da lì utilizzare i servizi dell’Agenzia delle Entrate può essere chiesto in diversi modi:

  • online dalla pagina di registrazione ai servizi telematici (http://telematici.agenziaentrate.gov.it/Main/Registrati.jsp), inserendo alcuni dati personali relativi all’ultima dichiarazione presentata, il contribuente riceverà subito la prima parte del codice Pin:
  • tramite l’app dell’Agenzia utilizzabile da smartphone e tablet, scaricabile gratuitamente dal sito internet o dai principali store;
  • in ufficio personalmente in questo caso va presentato un documento di identità e si ottiene immediatamente: la prima parte del codice Pin, la password iniziale, le istruzioni per prelevare la seconda parte del codice Pin dal sito dell’Agenzia;
  • in ufficio tramite delegato, l’ufficio consegnerà al delegato la prima parte del codice Pin. La seconda parte, insieme alla password iniziale, sarà poi inviata per posta domicilio del contribuente.

Ecco quindi il link per richiedere il Pin Fisconline

Quindi ci sono due modi sostanzialmente per ottenere il PIN di Fisconline per il 730 precompilato: recandosi presso l’ufficio dell’Agenzia delle Entrate oppure procedendo online.

Richiesta PIN Fisconline per 730 precompilato: consigli, vantaggi e svantaggi

Se il contribuente decide di richiedere il PIN di Fisconline per accedere al 730 precompilato deve sapere che in caso di richiesta online, la password iniziale e la seconda parte del codice Pin saranno inviate per posta al domicilio del richiedente, che è il “domicilio conosciuto dall’Agenzia delle Entrate”.

Infatti l’Agenzia delle Entrate sottolinea sul portale che “Il sistema fornirà subito la prima parte del Pin (prime 4 cifre); il richiedente riceverà entro 15 giorni, al domicilio conosciuto dall'Agenzia delle Entrate, una lettera contenente gli elementi necessari a completare il codice Pin (ultime 6 cifre) e la password di primo accesso”.

Nel caso in cui il contribuente sia in possesso della Carta Nazionale dei Servizi (CNS), il sistema restituirà direttamente il codice Pin completo e la password iniziale, ma a quel punto con la Carte sarà possibile anche accedere al 730 precompilato.

Il vantaggio di tale modalità sta nel fatto che facendo una richiesta online del PIN Fisconline, si ottiene comodamente a casa la seconda parte del PIN, ma occorre attendere anche 15 giorni. Ed è questo lo svantaggio.

Chiaramente, per accedere rapidamente al 730 precompilato, può essere assolutamente conveniente presentarsi in prima persona presso un ufficio dell’Agenzia delle Entrate, perché in quel caso viene data la prima parte del PIN e la procedura per scaricare, senza 15 giorni di attesa, la seconda parte del PIN direttamente online. Vantaggio che si vanifica se invece il contribuente intende inviare all’ufficio un proprio delegato. In questo caso la richiesta del PIN Fisconline si completa comunque con l’arrivo via posta della seconda parte del PIN.

A completare l’opera è il fatto che il mancato arrivo della seconda parte del PIN al domicilio conosciuto all’Agenzia delle Entrate, entro 15 giorni, è necessario recarsi comunque “presso un qualsiasi Ufficio Territoriale dell'Agenzia delle Entrate per chiederne la ristampa”. E tra l’altro “Non è prevista la possibilità di delegare un'altra persona”.

Vediamo in ogni caso come compilare la richiesta PIN di Fisconline, perché se si procede con la richiesta online del PIN di Fisconline, il sistema chiederà anche alcuni dati della dichiarazione dei redditi dell’anno precedente (il reddito complessivo).

 

Come richiedere PIN Inps dispositivo per 730 precompilato

Sul sito dell’Inps, se il contribuente che intende accedere al 730 precompilato va a ricercare sui motori di ricerca le modalità di accesso al 730 precompilato Inps, c’è una informativa sull’accesso tramite il portale Inps al sito dell’Agenzia delle Entrate o per meglio dire al servizio 730 precompilato dell’Agenzia delle Entrate.

In sostanza, il servizio di autenticazione offerto dall’Inps reindirizza l’utente con un messaggio di segnalazione al servizio presente nel sito dell’Agenzia delle Entrate.

In altre parole, il sito Inps rimanda al sito dell’Agenzia delle Entrate ed al portale sul 730 precompilato: prima si inseriscono le credenziali di accesso al portale Inps, ossia il codice fiscale del contribuente e poi il PIN dell’Inps di tipo dispositivo, e poi il sistema ti porta direttamente al sito dell’Agenzia delle Entrate facendo entrare il contribuente nella propria schermata con il 730 precompilato o la dichiarazione precompilata per chi presenta il Modello Redditi Persone Fisiche in versione precompilata.

Il PIN Inps per accedere al 730 precompilato deve essere il PIN di tipo dispositivo. Quindi non basta l’ordinario PIN Inps che si può richiedere online o tramite la sede dell’Inps, che tra l’altro consente di scaricare ad esempio la Certificazione unica dei redditi (cosa che interessa i pensionati e anche coloro che hanno percepito l’indennità di disoccupazione Naspi o altre prestazioni a sostegno del reddito da parte dell’Inps).

Richiedere il PIN Inps di tipo dispositivo è possibile nei seguenti modi:

  • presso le sedi INPS (in tal caso, il PIN sarà subito un PIN Inps di tipo dispositivo);
  • online, attraverso la procedura di richiesta PIN;
  • tramite Contact center, chiamando il numero verde 803 164 (gratuito da rete fissa) oppure 06 164 164 da rete mobile (a pagamento in base al piano tariffario del gestore telefonico).

Le sedi INPS rilasciano immediatamente il PIN dispositivo: l'utente compila e consegna allo sportello il modulo di richiesta, presentando un documento di identità valido.

Invece, il PIN ottenuto online o tramite il Contact center è di tipo ordinario. Per richiedere prestazioni e benefici economici occorre dunque convertire il PIN ordinario in PIN dispositivo.

La differenza tra PIN Inps ordinario e PIN Inps dispositivo. Il PIN ordinario ottenuto online o attraverso il Contact center non permette di inoltrare domande per prestazioni e benefici.

Per fruire di tali servizi, occorre convertire il PIN ordinario in PIN dispositivo recandosi in una sede INPS e compilando il “modulo MV35 – Richiesta assegnazione codice PIN dispositivo per il cittadino” oppure utilizzando la procedura online per convertire il PIN.

Ottenere il PIN Inps dispositivo direttamente online. La prima fase è la richiesta del PIN Inps online, che è un PIN ordinario che non consente, fin quando non c’è la conversione in PIN dispositivo, l’accesso al 730 precompilato. La richiesta PIN Inps si fa cliccando su questo link.

Per quanto riguarda i dati, occorre inserire il codice fiscale, i dati anagrafici, l'indirizzo di residenza, un numero di telefono per essere rintracciati dal Contact center in caso si abbia bisogno di assistenza e, soprattutto, i recapiti cui inviare il PIN.

Si consiglia di inserire almeno due contatti tra cellulare, email e Posta Elettronica Certificata (PEC), per poter utilizzare in caso di smarrimento del PIN la procedura online di ripristino.

Il sistema verifica la correttezza dell'indirizzo di residenza inserito. Se l'indirizzo è validato:

  • la prima parte del PIN viene inviata via email o sms,
  • la seconda parte per posta all'indirizzo di residenza. Se l'indirizzo non corrisponde a quello presente negli archivi INPS, il Contact center chiama l'utente per fornirgli assistenza diretta.

Poi occorre convertire il PIN in PIN dispositivo Inps.

Se si utilizza la procedura online di conversione del PIN, una volta inserito il PIN ordinario, l'utente deve stampare e firmare il modulo di richiesta, scansionare il modulo firmato e un documento di riconoscimento e caricarli online.

In alternativa, il modulo firmato e la copia del documento possono essere inviati al Contact center tramite il numero di fax 800 803 164 o consegnati recandosi in una sede INPS.

Completate le verifiche, il PIN ordinario viene convertito in PIN dispositivo.

Quindi riepilogando, al contribuente interessato ad accedere al proprio 730 precompilato sul portale dell’Agenzia delle Entrate, interessa ovviamente come ottenere rapidamente il PIN Inps dispositivo.

 

La soluzione più semplice è immediata è recarsi presso una sede Inps. Così come per il PIN di Fisconline, anche per il PIN Inps di tipo dispositivo la procedura immediata è quella di recarsi presso la sede Inps e richiedere, compilando il modulo MV35, il rilascio immediato del PIN di tipo dispositivo, che appunto consente di accedere al 730 precompilato online sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Quindi ancora una volta, il recarsi personalmente presso la sede dell’Inps, così come presso la sede dell’Agenzia delle Entrate, consente alla sede stessa di identificare il contribuente, bypassando fasi intermedie.

La fase intermedia nel caso del PIN Inps di tipo dispositivo richiesto online da casa propria o dal proprio ufficio è il passaggio dal PIN ordinario, richiesto online, al PIN di tipo dispositivo, che consente di accedere al 730 precompilato.

A questo punto, il problema del contribuente è la conversione del Pin Inps in che tempi di attesa viene effettuata. Nei casi in cui non vi sono incongruenze, la conversione del PIN Inps in PIN di tipo dispositivo avviene in 2 giorni lavorativi.

Come ottenere un’identità SPID per il 730 precompilato

SPID è il sistema di autenticazione che permette a cittadini ed imprese di accedere ai servizi online della pubblica amministrazione e dei privati aderenti con un’identità digitale unica. L’identità SPID è costituita da credenziali (nome utente e password) che vengono rilasciate all’utente e che permettono l’accesso a tutti i servizi online.

SPID può essere richiesto da tutti i cittadini italiani – o dotati di permesso di soggiorno e residenti in Italia – che abbiano compiuto il 18°anno di età.

SPID prevede tre livelli di identità. La prima tipologia di identità (livello 1) è semplicemente la dotazione al cittadino richiedente di un nome utente e password con il quale accederà ai servizi informativi;

La seconda identità digitale (livello 2) fornisce un codice temporaneo, generato al momento dal fornitore del servizio e inviato all'utente. Questo livello consentità di effettuare delle operazioni;

La terza identità digitale (livello 3) richiede un dispositivo di acceso specifico (smart card a pagamento), oltre a nome utente e password.

Con l’identità digitale SPID si può accedere al 730 precompilato.

Chi rilascia SPID. Per ottenere le tue credenziali SPID occorre rivolgersi a Aruba, Infocert, Intesa, Namirial, Poste, Register, Sielte o Tim. Questi soggetti (detti identity provider) offrono diverse modalità per richiedere e ottenere SPID e quindi il contribuente può scegliere quella più adatta alle sue esigenze. Tutte le informazioni su dove e come chiedere le tue credenziali SPID sul sito.

Spid è gratuito, quindi è possibile richiedere gratuitamente le credenziali SPID a uno dei soggetti abilitati (Aruba, Infocert, Intesa, Namirial, Poste, Register, Sielte e Tim). Aruba, Infocert, Poste e Tim oltre alla modalità di erogazione gratuita, offrono anche modalità di registrazione a pagamento.

Documentazione per ottenere SPID.  Per richiedere e ottenere le credenziali SPID sono necessari i seguenti documenti: un documento di identità valido (carta di identità o passaporto) e la tessera sanitaria. Serve inoltre: un indirizzo e-mail e il numero di telefono del cellulare usato normalmente (anche se il richiedente non è l’intestatario del contratto).

I tempi di rilascio dell’identità digitale SPID dipendono dal proviter al quale si ci rivolge, quindi bisogna tener conto di questo se il contribuente intende accedere rapidamente al proprio 730 precompilato.

Carta Nazionale dei Servizi e 730 precompilato

La Carta Nazionale dei Servizi o CNS è una Smart Card o una chiavetta USB che contiene un “certificato digitale” di autenticazione personale. La CNS è uno strumento informatico che consente l’identificazione certa dell’utente in rete e permette di consultare i dati personali resi disponibili dalle pubbliche amministrazioni direttamente su sito web, come ad esempio, l’accesso ai referti medici sul sito web della propria ASL. Tra le funzionalità utili, oltre al poter firmare digitalmente documenti informatici (bilanci, fatture, contratti, ecc.), consultare visure ordinarie e storiche, statuti e bilanci, c’è la possibilità di accedere al 730 precompilato.

Per richiedere una Carta Nazionale dei Servizi con funzioni di Firma Digitale sarà necessario recarsi presso la propria Camera di Commercio ed effettuare la relativa richiesta.

Il richiedente dovrà presentarsi di persona, munito di un documento di riconoscimento valido e successivamente alla richiesta saranno avviate le pratiche di emissione e consegna del certificato/ kit di firma.
Affinché la richiesta vada a buon fine, è necessario essere in possesso di un indirizzo e-mail valido, il quale dovrà essere comunicato in fase di rilascio certificato/kit di firma.

Alcune Camere di Commercio rendono disponibile la possibilità di prenotare la propria CNS direttamente tramite web. Per maggiori informazioni consultare il sito della propria Camera di Commercio.

Con la CNS rilasciata dalle Camere di Commercio, è possibile inoltre, come privati cittadini, collegarsi via Internet al sito dell’Agenzia delle Entrate (http://telematici.agenziaentrate.gov.it), registrarsi senza dover digitare tutti i propri dati e accedere così al sito per verificare lo stato della propria posizione fiscale (condoni e concordati, versamenti, richieste di variazione di posizione, rimborsi, registrazione contratti di locazione di beni immobili, comunicazioni relative ai regimi fiscali agevolati e altro).

Password NoiPA e 730 precompilato

I dipendenti della pubblica amministrazione possono accedere al 730 precompilato 2018 anche attraverso le credenziali di accesso al portale NoiPA.

Per avere le credenziali occorre fornire i propri dati all’amministrazione di appartenenza, fornendo anche il proprio indirizzo di posta elettronica. Alla ricezione della prima email, andrà convalidato l’indirizzo fornito e si ottiene un link dove è possibile inserire il codice fiscale, una domanda segreta e ricevere un’email con la password provvisoria ed il link alla pagina per poi modificare la password.

Occorrerà digitare anche un codice di sicurezza ricevuto via cellulare. Una volta effettuata la modifica alla password si accede al sistema NoiPA e quindi di conseguenza si potrà poi fare accesso, con le stesse credenziali, e la password aggiornata, al sistema del 730 precompilato.