erogazioni liberali

Il Fisco italiano prevede delle agevolazioni fiscali per i contribuenti che effettuano delle erogazioni liberali in favore di determinati enti con rilevanza sociale come le Onlus, le Organizzazioni non governative (ONG), le fondazioni, gli enti ed istituti religiosi, partiti e movimenti politici. Sono altresì agevolate le donazioni per le popolazioni colpite da eventi di calamità, come ad esempio il sisma in Abruzzo.

Le agevolazioni che il sistema tributario italiano concede sono sia sotto forma di detrazioni d’imposta, sia sotto forma di deduzioni dal reddito complessivo imponibile Irpef. In quest’ultimo caso, si parla di oneri deducibili.

La differenza tra detrazioni e deduzioni è importante e sostanziale. Mentre le detrazioni fiscali incidono in maniera percentuale direttamente sull’imposta lorda, riducendo di fatto l’imposta poi effettivamente da pagare, gli oneri deducibili sono delle spese che possono essere portate in diminuzione del reddito complessivo sul quale poi si calcola l’imposta lorda. E in quest’ultimo caso l’agevolazione è pari all’aliquota massima raggiunta dal contribuente, essendo l’Irpef con l’applicazione di aliquote crescenti per scaglioni di reddito.

In alcuni casi spettano in alternativa entrambe le agevolazioni ed il contribuente ha la facoltà di scegliere la più conveniente ai fini del risparmio fiscale sull’Irpef. Bisognerà fare il calcolo dell’Irpef nei due casi e vedere per ognuna delle due opzioni (dedurre l’erogazione liberale oppure detrarre il 19%), consente un maggior abbattimento dell’imposta da pagare.

Ci sono, poi, alcune agevolazioni fiscali, destinate alle erogazioni liberali effettuate dalle imprese che permettono di ridurre il reddito imponibile IRES.

Erogazioni liberali deducibili al reddito

Per alcune liberalità, sia tra le erogazioni in denaro che in natura, è possibile usufruire della deduzione fiscale, ossia far rientrare la donazione tra gli oneri deducibili dal reddito complessivo. Come detto, in alcuni casi è consentita solo la deducibilità, in altri casi invece è alternativamente possibile optare anche per la detrazione fiscale sull’Irpef.

Rientrano tra le erogazioni liberali deducibili le erogazioni in denaro o in natura alle Onlus (Organizzazioni  non lucrative di utilità sociale), alle fondazioni e associazioni (es. per la valorizzazione di beni di interesse artistico, storico e paesaggistico, promozione di attività di ricerca scientifica), le erogazioni in denaro verso le Associazioni di promozione sociale (APS), le istituzioni religiose, gli enti di ricerca universitaria ed i partiti politici, i contributi e le donazioni verso le Organizzazioni non governative (ONG). Vediamo l’approfondimento caso per caso su tutte le erogazioni liberali deducibili.

Erogazioni liberali detraibili al 19 per cento sull’Irpef

In alcuni casi le erogazioni liberali possono essere utilizzate dal contribuente come detrazioni fiscali. In questo caso si avrà una detrazione del 19% della donazione, che andrà a ridurre l’Irpef lorda calcolata. In alcuni casi, come già detto, l’opzione per la detrazione è alternativa alla deduzione fiscale. Come ad esempio nel caso delle erogazioni in denaro a favore delle Onlus (le erogazioni in natura possono rientrare solo tra gli oneri deducibili).

Alcune erogazioni in denaro possono essere solo utilizzate come detrazione Irpef. E’ il caso delle erogazioni a favore di associazioni sportive dilettantistiche, oppure le erogazioni a favore delle popolazioni colpite da eventi di calamità pubblica o altri eventi straordinari. Vedremo l’approfondimento caso per caso su tutte le erogazioni liberali detraibili al 19%.

Risparmiare con le erogazioni liberali nel modello 730 o Unico

In tutti i casi, sia quando l’erogazione liberale rientra tra gli oneri deducibili, sia quando è utilizzata come detrazione sull’Irpef, le agevolazioni fiscali sulle erogazioni liberali sono fruibili in sede di dichiarazione dei redditi, vale a dire in occasione della presentazione del modello 730 o del modello Unico. Secondo il principio di cassa, le deduzioni e detrazioni spettanti si calcolano sulle erogazioni liberali effettuate nell’anno di riferimento della dichiarazione dei redditi (es. 730 del 2012, si considerano le erogazioni liberali fatte nell’anno 2011).

Nessuna documentazione comprovante allegata al modello 730 o modello Unico. Alla dichiarazione dei redditi presentata non bisogna allegare alcuna documentazione comprovante l’effettuazione della donazione in denaro o in natura, cioè l’erogazione liberale. Il contribuente dovrà conservare la documentazione di spesa fino al 31 dicembre del quarto anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione dei redditi (730 2012, documentazione da conservare fino a 31 dicembre 2016), pronta ad essere esibita su richiesta degli uffici competenti dell’Agenzia delle Entrate.